14 aprile 2010

2 Movies

Ho visto due film al cinema, in questi giorni:

Departures

Bellissimo film, è la storia di un ragazzo giapponese che torna al suo villaggio natale e senza sapere bene come si ritrova a fare un lavoro insolito: si occupa infatti della cura, pulizia e preparazione dei defunti prima che vengano messi nella bara, un rito molto solenne, in Giappone. Non vi dico niente altro, tranne: preparate i fazzoletti. Il film parte con note molto comiche ma termina melenso. Non so voi come siate, ma io al cinema sono un pezzo di burro al sole, alla minima nota di smanceria piango come una fontana.
Gli attori recitano con quele tipiche espressioni accentuate dei giapponesi, tipo lo stupore con le sopracciglia altissime, o le donne che sorridono esageratamente. Se leggete i manga sapete cosa intendo, ma si vede anche negli anime (cartoni giapponesi). Il ritmo fortunatamente è buono, ci sono certi film giappa per cui è meglio spararsi prima, tanto sono lenti.
Ovviamente stralci della cultura giappa appaiono nel film: i bagni pubblici, in cui si va per lavarsi e rilassarsi nelle vasche di acqua calda, la cerimonia che precede il funerale, l'estrema formalità di questo popolo. In una scena, i protagonisti arrivano al luogo di un appuntamento con 5 minuti di ritardo e chi li stava aspettando si arrabbia moltissimo "siete in ritardo di 5 minuti, vergogna!". Questo a noi sembra davvero divertente. Molto bella la colonna sonora, il protagonista è un violoncellista, quindi suona spesso. Il film ha vinto l'Oscar nel 2009 come miglior film straniero. Piccola nota, il regista è un ex regista di film porno! Inutile dire che sarebbe meglio vederlo in giapponese con sottotitoli, ma che volete farci...

The ghost writer (L'uomo nell'ombra)

Il nuovo film di Polanski (quasi terminato appena prima che fosse messo ai domiciliari in Svizzera), tratto dal romanzo di Robert Harris, ha come protagonisti Ewan McGregor e Pierce Brosnan, a cui si aggiungono Olivia Williams, Kim Cattrall, Timothy Hutton e molti altri. Ha vinto l'Orso d'argento all'ultimo Festival di Berlino . Non so darvi un giudizio preciso, a me è piaciuto abbastanza. Molta suspance, e Ewan è bravo (anche se non riesco a smettere di pensare a Trainspotting tutte le volte che lo vedo). Kim Cattrall (aka Samantha di Sex and the City) si è fatta un litfing non indifferente, e Olivia Williams è la maestra di Carey Mulligan in "An education", oltre che una delle poche attrici che invece di rifatto non ha proprio niente, e sta bene così.

3 commenti:

  1. A me Departures è piaciuto un sacco, visto in giapponese con sub in inglese l'anno scorso. E l'altra sera ho visto A serious man dei fratelli Coen, e mi è piaciuto moltissimo, te lo consiglio proprio

    RispondiElimina
  2. l'ho visto ma non mi è piaciuto tanto... io il loro humor non lo capisco proprio!!mea culpa

    RispondiElimina
  3. A me ha fatto morire. Mi è piaciuto anche più dell'osannato No country for old men. Il rabbino che consegna la radio al ragazzino recitando con solennità la canzone When the truth is found to be lies, and all the joy within you dies è puro genio

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB