18 luglio 2010

Atelier Rondini

Ed eccoci qua in Rue de Clemenceau, St Tropez. La via ... dell'Atelier Rondini!
ed ecco il negozio! Sulla vetrina è scritto "Rondini, depuis 1927". E' il bisononno Rondini (italiano ovviamente) che ha cominciato la produzione. Il pavimento come vedete è eccezionalmente pulito, ed è perchè passo il biip di straccio tutte le sante mattine (ODIO la serpillere), e comunque c'è sempre qualcosa che non va (da Rondini ci tengono molto)-scusate la nota polemica.
ecco il tavolo dove prepariamo le scarpe prima di farle indossare (talco sulla suola perchè il piede scivoli meglio e non macchi, pinze per rendere morbido l'infradito in alcuni modelli, macchinetta per fare i buchi nei cinturini, a seconda della caviglia del cliente), e alcuni modelli appesi. Ogni modello ha un nome, ci sono i St Pierre, i Franciscaines, le Salomè (il modello più venduto), i classici Tropeziennes (gladiators)
...ed ecco l'atelier! Queste foto sono super eccezionali ed esclusive, nessuno può entrare
le scatole sono piene di materiali per le scarpe
ecco Eric all'opera mentre prepara dei gladiators, o spartiates, o tropeziennes (i sandali tipici di St Tropez)
alcuni attrezzi del mestiere...
le macchine per grattare le suole delle scarpe, e lucidarle una volta dipinte.
Ed ecco George! George è il venditore ufficiale della boutique, l'occhio più esperto. Se si ha qualche dubbio in merito a una vendita, lui ha l'ultima parola. E' cattivissimo con i clienti, specialmente quando non si fidano della sua opinione, ma poi appena siamo nel retro fa smorfie e balletti. Io e Lucille ridiamo tutto il tempo
ecco la macchina per limare le scarpe tutto intorno alla suola una volta finite, e lucidarla con la spazzola (lo so fare!), e lo stand su cui riposano le scarpe con pittura ancora fresca (lavoro minore che tocca spesso a me)
Ecco Fabrice che "stampa" qualche tallone (vedete quello sulla destra?)
ed ecco il corridoietto con gli scatoloni pieni di scarpe, divise per modello
gli scaffali pieni di "fogli" di cuoio e gli scatoloni con le vecchie scarpe che i clienti hanno ordinato ma non ancora ritirato (ci sono scarpe dell'anno scorso, ma come si fa??)
la macchina da cucire che di solito usa Mr Rondini (il nonno), e la porta sul giardino
io con il mio tablier (grembiule da lavoro)!
Questo è il modello "bikini", quello comprato da Garance Dorè. Lo fabbrichiamo in versione oro, argento, cuoio naurale e nero. Come tutti i sandali in boutique, costa sui 120 euro.
Le uniche scarpe un po' più costose sono quelle in coccodrillo (250 euro) e quelle in pitone (150 euro). Direi che i prezzi sono più che onesti, no? Dai nostri concorrenti a St Tropez, Kjacques, i prezzi sono il doppio o il triplo dei nostri
La precisione degli operai di Rondini è pazzesca. Io non sono abbastanza puntigliosa per questo lavoro. Una macchiolina invisibile sulla suola delle scarpe appena fatte e tutti impazziscono. Chi mai vedrà una macchia sulla suola? E comunque, il cliente le indosserà un giorno e saranno già sporche! Non importa, devono essere perfette.
L'altroieri un cliente di Chicago mi ha detto che vuole aprire Rondini in Usa (forse si è reso conto dei miliardi che incassiamo ogni giorno). Gli ho detto che è impossibile, e per la ragione per la quale il negozio esiste solo a St Tropez. Non sono le macchine, non sono i materiali, è il know how che fa la differenza. Mr Rondini nonno lavora ancora in negozio, così come Rondini padre e nipote. Non si può delegare ad altri quello che solo loro sanno. Seguono la produzione passo per passo, controllano tutto, tutte le scarpe sono fabbricate nel retrobottega, le spedizioni e gli ordini pure.
L'anno scorso è venuta Kate Moss in boutique, mi hanno detto che hanno dovuto chiudere il negozio, e che ha preso le Salomé in cuoio naturale, che vedete in questa foto (che poi è il modello che ho anche io, ehm ehm, che poi è il modello e il colore più richiesto e venduto in assoluto, EHM EHM!)
In negozio, ne succedono davvero di tutti i colori.
Non ho mai visto così tanti anelli di diamante in vita mia, e nemmeno tante borse Goyard con iniziali e bracciali Cartier. La gente è un po’ arrogante a volte, immagino sia la sicurezza di poter comprare quello che si vuole. Comunque con me non attacca, se siete gentili sarò ancora più gentile, ma se mi trattate male cambio cliente e vi lascio ad aspettare.C'è gente insopportabile, genete convinta che facciamo i sandali anche con i tacchi (mai fatti da che siamo aperti madame), che l'anno scorso c'era un modello che ora non c'è... Alcuni sono molto carini, le americane soprattutto: "what's your name?" "Giulia" "thank you Giulia, you've been lovely".
Ci sono richieste strambe tipo “fate questo modello?” “no Madame” “ma perché?” eh, perché no! L'altro giorno come vi ho detto l' uomo di Chicago mi ha interrogata per un'ora per sapere se secondo me si poteva aprire una succursale nella sua città, e alla fine mi ha detto "yes,I'll do it! I'll call the shop Giulia's shoes!" (la moglie scuoteva la testa). Poi ovvio faccio errori di francese, tipo “C’est du vrai python, ça?” “Ah oui Madame, vous pouvez le voire de la poile” (poile significa pelo, volevo dire peaux, pelle). Mai visti tanti piedi in vita mia, haha. Piedi larghi, piedi stretti, piedi magrissimi, piedi ciccioni (non me la sento di dire nulla, ma c’è gente a cui non andrà mai bene nemmeno un modello di sandalo in boutiques! Cerco di farli entrare a forza ma alla fine dobbiamo farli su misura, o rinunciare). Quando entra qualcuno e vedo che ha i piedi larghi già penso "oh no". A volte non amo troppo servire i clienti, non è che mi esalti toccare piedi, specialmente quelli degli uomini, bleah. L'altra mattina è arrivato un uomo di 94 anni. Aveva degli stivali, mi sono sentita morire. Sorprendentemente, aveva piedi freschi e morbidi come un bambino. Fare provare le scarpe ai bambini è bellissimo,sorridono felici e manco capiscono cosa succede, mentre le madri sono tutte contente di poterli vestire cool. Ho visto bambini di 4 anni circa con Rayban aviators e magliette firmate, e bambine di sicuro sotto i 10 anni con cellulari di ultima generazione, piccoli orologi tipo Rolex e caftani. Una roba orrenda. Ormai riconosco le taglie solo guardando i piedi (non che questo mi sarà di grande utilità in futuro, ma comunque), e ho visto cose tipo donne con il 43 di piede e uomini con il 48 (?!). Gli uomini non sanno quasi mai cosa vogliono, e alla fine prendono quello che consigliano le mogli, che spesso parlano per i mariti (“mi serve questo modello in questo colore per Monsieur”- cos’è, monsieur è muto?). Le donne invece non comprano nulla senza l’approvazione del marito (ma cosa ne sa lui?), che poi regolarmente paga ("merci mon amour"+ bacio: regolarmente). Devo dire le coppie francesi mi stupiscono sempre, sono sempre gentilissimi l'uno con l'altra, tutto uno cherie, mon coeur, mon amour, bacini...
Come vi dicevo, quando entrano gli sciami di americane voglio scappare, perchè regolarmente vogliono provare tutti i modelli in tutti i colori. Ma ora io mi chiedo: una volta che provi un modello, che cavolo ti serve provarlo in arancione, oro, nero, blu e azzurro? Perchè??????? "Per vedere l'effetto che fa sul piede". Ma sto cavolo, sono io che mi devo arrampicare sulla scala e cercare!
E poi la domanda incubo: che colori avete nel mio numero??? Cerco di mantenere la calma, perchè ci sono milioni di scatole, non posso controllare in tutte, madame (regolarmente lo faccio).
Vendiamo come indemoniati, non potete capire. Non ho neanche il tempo di andare a fare pipì. Gente che ordina paia e paia in una volta, 500 euro che volano... Ci sono clienti storici, che vengono da 20 anni, gente che ha sentito parlare del negozio, e regolarmente gente che crede di essere da Kjacques, o che chiede dov'è la nostra seconda boutiques (no Madames, vous parlez de Kjacques...). Ci sono i fanatici che bussano alla vetrina già alle 9,20 (niente di più snervante), e quelli che arrivano alle 8 di sera, e ovviamente sono i più pesanti (allora George diventa davvero cattivo e urla: "alors, qu'est ce qu'on fait???). Ma i più lenti e indecisi del mondo sono i tedeschi, li odio. Ci mettono anni per decidere, parlano lo stupido tedesco tra di loro e occupano mezzo negozio con bambini urlanti. Gente, se vedete che il negozio è pieno da scoppiare, non entrate con marito e prole! Comunque, ormai di notte mi sogno di fare provare sandali e elenchi di colori (fuschia, vert, nubuck violet, sable, terracotta...),haha.
Ma la cosa che mi lascia sempre di stucco è quando chiedo "che numero ha,madame?" "bahhh, non so". MA COME NON SO????????? Gli uomini invece partono sicuri "43". Per l'ultimo che mi ha detto cos' ho dovuto cercare nelle scatole tutti i 43, poi i 44, per scoprire infine che aveva il 45. "Eh bah, c'est etonnant, ça!" NO, C'EST CHE SEI SCEMO!

14 commenti:

  1. Prometto che sei mai avrò la fortuna di poter entrare da Rondini, sarò la cliente più mite che abbiate mai visto in tuo onore Giulia!
    ;)
    Velvetuzi

    RispondiElimina
  2. sì, c'est proprio che è scemo!! divertentissimo questo tuo post! dovresti scrivere

    RispondiElimina
  3. che belli questi sandali, io ho un debole per quelli artigianali!

    ma non ho capito bene... lo sai che io spesso perdo dei pezzi... tu lavori da Rondini? ma dove?

    RispondiElimina
  4. Ogni tuo post è così appassionante, ti ammiro un sacco davvero

    RispondiElimina
  5. che esperienza incredibile, mi vien voglia di fare un salto a saint tropez solo per prendere 2-3 paia di sandali da te!

    RispondiElimina
  6. Oddio Giulia, giuro che leggendo questo post ho riso come una matta!
    Ma che ho anche stramaledetto quell'imbecille di Thierry che mi ha convinta a fare shopping a Vieux Nice invece che a Saint Tropez!!!!
    Il negozio e' un amore... cosi' retro!
    Me lo immaginavo proprio diverso sai?
    E il pensiero di Nonno Rondini che ancora cuce a macchina... che meraviglia!!!
    Comunque io sono molto mite e buona come cliente, ci metto 30 secondi a decidere e non chiedo mai di provare lo stesso modello in tutti i colori esistenti; probabilmente avrei preso il modello di Garance.
    Pero' sulla questione del numero lo sai che un po' li capisco questi clienti impossibili?
    Io oscillo tra il 36 e il 37 e 1/2 a seconda dei modelli quindi neppure io so bene che cacchio di numero porto!
    E quanto mi urtano i nervi i negozi pieni di mariti e poppanti!!! Stupide donne indecise che vanno a fare shopping con tutta la famiglia al seguito! Sara' che io vado sempre sola!
    Comunque se decido di comprare un paio dei vostri sandali online ti stressero' un po' sull'argomento vestibilita'!

    RispondiElimina
  7. 真正仁慈的人,會忘記他們做過的善行,他們全心投入現在的工作,過去的事已被遺忘。..................................................

    RispondiElimina
  8. grazie amiche!:) ma vi assicuro la plupart du temps non è affatto divertente!
    BaiLing, se hai bisogno dimmi pure la lunghezza del tuo piede in cm,se non hai un piede largo o grasso con quella non si sbaglia!

    RispondiElimina
  9. Giulia, dopo il tuo post vorrei proprio un paio di questi sandali!

    RispondiElimina
  10. Amica sei troppo un tesoro!
    Il mio piede misura 23 cm ed e' piuttosto magrolino!

    RispondiElimina
  11. Pero' per sicurezza ho misurato i due sandalini in cuoio che porto meglio e sono entrambi lunghi 24 cm... quindi mi sa che la mia misura di riferimento e' 24 piuttosto che 23!

    RispondiElimina
  12. Per me è sempre un problema trovare delle scarpe: il mio numero è tra 40 e 41 quindi a volte devo provare entrambi i numeri. Dipende tutto da come mi calzano.

    RispondiElimina
  13. Sono rimasta esterefatta quando ho visto, in una trasmissione televisiva, il mio cognome dato a un atelier di St Tropez. Si, perchè mi chiamo Enza Rondini, vivo a Ferrara e sono nata in Puglia. Pensare che da bambina non mi piaceva il mio cognome, perchè a scuola mi prendevano in giro, mi fa sorridere. Adoro i sandali, spero di comprarne un paio da voi.

    RispondiElimina
  14. Hey, ora è possibile acquistare Tropeziennes sandali realizzati da Rondini sul loro sito web / e-shop: http://www.rondini.fr

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB