5 aprile 2011

Zara non si fa

Zara quest'anno ha fatto il suo solito bel lavoro di copia e riproduci, o se vogliamo chiamarlo in altro modo, il suo "prendere ispirazione" da, come spiega Garance Doré in questo articolo . Però a volte prende ispirazione un po' troppo fedelmente, e una mia amica che lavora lì mi diceva che ogni tanto qualcosa viene ritirato causa plagio. L'esempio più calzante di questa estate sono le Morgana di Stella McCartney, che potete trovare per più della metà del loro prezzo da Zara
(a proposito di Stella, vorrei aprire una parentesi sull'ossessione delle fighette per la Falafella, e il suo costo, secondo me un attimo ingiustificato, dato che si parla di pelle finta. Ma non voglio fare polemiche...)
Qui ci sono capi che in effetti sono stati ispirati da altri, infatti ho come un vago sentore di averli già visti, ma non saprei bene dove
direi però che siamo su dei Céline, Chloè e Calvin Klein. Ce ne sono però altri in cui il riferimento è ben chiaro nella mia testa, vado ad illustrare :
Marni
Zara
Marni ancora
Zara
Chloé
Zara (questa gonna la trovate uguale identica anche da Mango e da H&M)
Isabel Marant
Zara
Isabel Marant
Zara
Ck
Zara
Céline
Zara
Proenza Schouler
Zara
Mulberry
Zara
Ora sta a voi decidere se cadere nel tranello o resistere stoiche. Qualche tempo fa parlavo con una ragazza (malvestita) che mi diceva di non comprare mai da Zara, perchè quelli che fa sono "abiti senz'anima". Ci si ritrova ad avere capi che tutti hanno, non si sa dove (e come) li fanno... meglio comprare al mercato, era la sua teoria. Ora, concordo con la faccenda dell'omologazione, ma ormai da Zara c'è un ricambio talmente frequente che di settimana in settimana non si trovano più le stesse cose, perciò il rischio di trovarsi vestite tutte uguali è diminuito.
In più, credo che Zara sia uno dei pochissimi negozi in cui si possono trovare cose "alla moda" e per tutte le tasche, senza scadere nella qualità veramente terribile di certe catene low-cost, correggetemi se sbaglio. Non mi pare che andando in un negozio qualsiasi io possa trovare i pantaloni svolazzoni o il top minimal alla Céline, che da Zara mi porto a casa per 40 euro o giù di lì. Poi certo, la qualità non è comunque il top, però io sono incuriosita dai nuovi articoli e un giretto in negozio me lo faccio sempre. Voi che ne pensate?

22 commenti:

  1. Io cerco di prendere capi basic in modo da non dare nell'occhio con abiti palesemente zara come tutte, comunque la qualità lascia a desiderare, le cose durano una stagione e le scarpe sembrano di legno, però rimane pur sempre una droga e ci vado fin troppo spesso...gli originali me li posso solo sognare...
    ma i materiali per questa primavera? poliestere centopeccento e pure pesante con doppie fodere! c'è da morì

    RispondiElimina
  2. E hai tralasciato tutto il filone righe e color block liberamente ispirato a Prada...
    Ad ogni modo, Zara è fenomenale nel riproporre le tendenze della passerella a prezzi accessibili e in tempi strettissimi: peccheranno in "ispirazione" ma sono bravissimi coi tempi di produzione!

    RispondiElimina
  3. mix and match e' la risposta!
    alla base ci deve essere gusto e personalita'.total look zara no ma nemmeno total look hyper firmato.e' mancanza di un proprio stile che deve essere fatto di ricerca, studio sul proprio corpo...
    Il gioco della moda e' proprio quello di mescolare.
    Se una cosa mi piace ed ha un discreto rapporto qualita' prezzo ( perche' anche farsi prendere per il c*** no! sia da zara che da soliti noti)la compro , sta a me renderla poi speciale, adattarla alla mia personalita' , non immediatamente riconoscibile etc.
    da zara e affini, non comprerei mai le borse.Ma questo e' un discorso lungo e non ho bevuto abbastanza caffe' per attaccarvi il pippone...
    ciao bacioni

    RispondiElimina
  4. Io compro da Zara cercando di avere un po' di criterio: niente maglie e maglioncini in poliestere, niente pantaloni (mi stanno sempre malissimo). Gli originali non me li posso permettere, probabilmente nemmeno li comprerei e penso che sia lo stesso per la maggior parte della clientela di Zara. Poi un conto è comprare la Speedy tarocca, un conto è comprare un abito che si ispira (=copia) Céline!

    RispondiElimina
  5. a me zara fa impazzire! è davvero l'unico negozio in cui puoi trovare qualcosa di riconducibile alle passerelle senza che sembri cheap. e, copie spudorate a parte, un po' di sana ispirazione non fa mai male.

    ps: i sandali che non hai identificato direttamente sembrano dei chloé (li amo!) ma non li ho ancora visti dal vivo.

    RispondiElimina
  6. Il vestito arancione mi ricorda un pò la collezione 2008 o 2009 di Jil Sander, comunque verissimo, è tutto un copiaincolla da Zara!
    S.
    http://subsub16.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. Da vegetariana che ha abolito le borse di pelle mi sento di dissentire con la tua opinione circa la Falabella: è inutile raccontarcela, di ogni borsa si paga sopratutto il marchio, decisamente meno"il materiale" impiegato; io ho visto dal vivo la borsa e l'ho trovata davvero ben fatta (difficile capire che non fosse in vera pelle) e sono felice che una grande stilista abbia sposato la causa animalista.
    Perciò la cifra, anche se fuori dalla mia portata, la trovo giustificata.
    Allo stesso modo si potrebbero criticare i prezzi di LV che usa il canvas per fare la sua linea principale di borse.

    RispondiElimina
  8. Giulia ti quoto in pieno... da Zara un giretto si fa sempre, se vuoi essere fescion senza vendere un rene è l'unico modo. La prima cosa che faccio però è controllare i materiali, il poliestere e l'acrilico nel mio armadio non ci devono entrare!

    E.

    RispondiElimina
  9. Zara sarà la mia rovina adesso che sono in Spagna, c'è un negozio infinito!!! >.<
    A maggior ragione trovo di tutto e di più anche se mi limito a non andare oltre i 30€ di spesa, per cui immaginati cosa mi porto a casa..
    Anch'io preferisco una cosa """ispirata""" che una tarocca!

    RispondiElimina
  10. sono proprio d'accordo con te.. però devo ammettere che le scarpe imitazione di stella le avrei comprate volentieri! anzi.. le ho cercate disperatamente senza trovarle! davvero sono state ritirate per plagio?? è un po' triste che una catena così grande (a livello europeo) come zara si abbassi a copiare a destra e a manca.. prendere ispirazione è una cosa, il plagio è tutt'altra! e la linea che li divide non è così sottile..
    comunque condivido in pieno il tuo pensiero, soprattutto sul finale: alla fine zara è la catena di negozio col miglior rapporto qualità prezzo e ha una vastissima quantità di prodotti!

    Stylosophique (c'è un giveaway sul mio blog: potete vincere un abito firmato Shop In London)

    RispondiElimina
  11. muoio dal ridere quando chiami la borsa Falafella, mi immagino tizie chic che camminano per strada portandosi dietro degli enormi felafel puzzolenti a tracolla. :D

    RispondiElimina
  12. Per quanto riguarda la Falabella sono d'accordo con Cla, si paga soprattutto il nome e credo che paradossalmente quella borsa valga la cifra che costa.
    Prima la bramavo con anima e cuore, adesso è diventata troppo di moda quindi mi è un po' scaduta (eh sì, purtroppo sono così).

    Per quanto riguarda le "imitazioni", tolte quelle clamorose (tipo le Morgana che io ho preso da Zara, perchè mi piaceva il modello e i dindi per le originali non li ho), credo sia comunque adducibile al fatto che i trend di stagione sono più o meno quelli, quindi anche il low-cost si adegua, e io dico: ben venga!
    Zara a livello di qualità la trovo nettamente superiore alla media del low-cost, e onestamente se io ho bisogno di qualcosa vado direttamente da Zara, non me lo ricordo nemmeno più dove mi vestissi prima del suo arrivo in Italia.
    Trovo che produca molti più "stampini" H&M, ma questo è il mio parere.

    RispondiElimina
  13. Che Iddio salvi Zara.
    Per me è la soluzione al problema vorrei ma nn posso. Basta avere un minimo di accortezza nel scegliere le cose e come abbinarle.
    Ci vado almeno una volta alla settimana, un' appuntamento fisso, e spesso ciò che nn si trova + in negozio lo si trova nello shop on line.
    Essendo mignon riesco spesso a comprare nela taglia da bambina e devo dire che li la qualità dei capi è anche migliore e il rischio di essere vsetita come la massa si abbassa un bel pò.
    La scopiazzatura è palese ma io preferisco la quantità alla qualità quindi benvenga il wannabe low cost. Non compro solo la roba plasticosa o totalmente acrilica( ahimè sempre + presente in negozio)
    Io quindi dico SI a Zara!

    http://www.izsocool.blogspot.com/

    RispondiElimina
  14. Molto bello questo post, non credevo che zara prendesse così tanto ispirazione ma in effetti si spiega perchè ha sempre cose così in linea con le tendenze. Se sia etico o no non saprei dirlo, ma ringrazio che ci sia per non dovermi vestire al mercato. E poi cosa c'è di etico nel vendere un vestito talmente tanto che le persone normali non possono pemetterselo? Viva Zara

    RispondiElimina
  15. (mi correggo: ho appena visto quei sandali, sono stella mccartney spiccicati! ma per 795$...zara ti amo)

    RispondiElimina
  16. Dopo tutto, tutti si ispira l'una dall'altra, ma ora dipende da come inventiva estio e non solo copiare, e tu vieni con la tua imagiantia e di aggiungere o modificare qualcosa.

    RispondiElimina
  17. Ok, la qualità non sarà proprio il massimo ma Zara è un'ottima occasione per indossare abiti di tendenza a prezzi accessibili, inoltre lo trovo perfetto per i capi più modaioli che comunque non sopravviverebbero alla stagione. Perchè spendere di più?!

    RispondiElimina
  18. Io da Zara compro quasi solo capi basic: camicette e pantaloni a sigaretta in colori neutri, insomma le cose che non devono mancare nell'armadio perché possono tornare utili e per cui non mi va di spendere una cifra esagerata.
    A volte ho trovato anche cose più carine: per esempio ho un vestito nero stile Jackie'O che è davvero stupendo e ben rifinito... ma questi di solito sono miracoli che non si verificano spesso.
    Le scarpe le trovo davvero brutte: i modelli mi possono anche piacere ma la pelle è così rigida e le rifiniture così scadenti che preferisco aspettare i saldi o andare in outlet e comprarmi scarpe belle.
    Idem per le borse: le imitazioni di Zara sono davvero bruttine.

    Su Stella McCartney la pensavo più o meno come te fino a qualche tempo fa, ma poi ho letto un articolo molto interessante su Le Monde il giorno dopo la sfilata di marzo e mi sono ricreduta.
    Stella è non solo animalista e vegetariana, ma anche equo-solidale e politicamente corretta nelle sue produzioni.
    Ha un team di agronomi che studiano per ottenere lino e cotone sfruttando il meno possibile le risorse di terra ed idriche; ha messo a punto un metodo per ricavare la seta senza cuocere vivi i bachi; compra la lana da piccolissime cooperative sudamericane; e la sua pelle ecologica non è la pellaccia sintetica che ci propinano le marche low cost ma un materiale con caratteristiche molto diverse.
    Io credo che i suoi pezzi valgano quello che costano perché scegliendo un suo capo si fa una scelta che non è solo di stile ma di rispetto per l'ambiente e di eco-sostenibilità, si paga la ricerca che c'è dietro il prodotto.
    E' un po' come andare a comprare il caffé della piccola cooperativa nel negozio equo-solidale invece che al supermercato: lo pago il doppio ma ho fatto una scelta consapevole di un certo tipo!
    Poi ti dirò che ho visto delle borsette con catenella nel corner della McCartney dei magazzini Printemps che mi hanno seriamente fatta pensare di prenderne una in alternativa alla Chanel.
    Ovviamente come tutte le ragazze di questo mondo voglio una 2.55 (anche se amo gli animali ed anche se è fatta con degli agnellini morti) però non mi va di buttarci 2500 euro e rimugino sul fatto che quella stessa cifra potrei investirla in una borsa "buona" della McCartney e in tantissime altre cose.
    Insomma Stella mi piace, in Francia è considerata una pioniera di un modo diverso di fare moda e se tutti i designer prendessero un po' spunto da lei la moda sarebbe una cosa meno frivola!
    Scusa per il papier km!

    RispondiElimina
  19. Io di Zara apprezzo specialmente la linea TRF che trovo un po' più creativa. Non mi piacciono le linee troppo basic, io sono una che incasina, se può, ma sempre con gusto! Che dire..se avessi i soldi magari mi comprerei una Celine, ma non ce li ho, quindi vado da Zara :)

    RispondiElimina
  20. io sono stato da Zara a Milano per la prima volta l altra settimana per vedere finalmente questa leggenda modaiola delle giovani-issime, non mi è piaciuto per niente per la roba che ho visto che si può trovare in ogni mercato cittadino (anche meglio) e per l ambiente da magazzinone, orrendo insomma.
    Ma non si fa prima a dire Zara = non ho i soldi? non ho il moroso con i soldi? oppure, non voglio cercare nei mercati, negli outlet....vado li e faccio prima e quando le amiche più giovanette mi chiedono dove l ho preso posso dire fiera..."l ho preso da ZARA!!!!"

    RispondiElimina
  21. Sinceramente compro spessissimo da Zara, ho innumerevoli scarpe (comode e dico comode, e durano piu' di varie Gucci, Dior, Prada and co.), jeans, blazer, maglie shorts ecc..
    Non credo che Zara sia da considerare come ''compro da Zara quindi non ho soldi ma voglio esser alla moda ugualmente''. No. Compro da Zara perche' mi piace sempre qualcosa, non sono cose scontate e banalissime (chiaramente non devi fermarti a dare un occhiatina veloce ma devi scovare e spulciare capi in ogni angolo), la qualita' non 'e cosi scadente, e anzi per il prezzo va piu' che bene, e sinceramente non ho abbastanza soldi per potermi permettere 10 gonne di Chloe', piu' 10 paia di sandali di YSL, ne una ventina di borse tra Mulberry, Prada e Proenza. Se voi invece li avete, vi invidio, sappiatelo. Anche io ho capi e accessori firmati, se mi piace una bella borsa la compro, non ho bisogno di vivere con la speranza di trovarla in un outlet (anche perche' dove abito io l'unico outlet che esiste 'e quello di intimissimi), ma cio' non vuol dire che comprare da zara 'e da ''poveracci''.
    Poi che prende ispirazione 'e un dato di fatto, da anni ormai quand entriamo con mia madre ci guardiamo e ci mettiamo a ridere vedendo le copie (certe volte spudorate) di abiti and co.
    Alla fine non trovo copie cosi esagerate tra le foto che hai messo, in passato ne vidi alcune davvero eclatanti, insomma se vai in un qualsiasi negozio che vende pantaloni trovi quelli rosa pastello, shorts colorati, abiti a trapezio.. Tutte le catene ( e molti brand ovviamente) seguono cio' che ''va di moda'', quest'anno i colori accesi messi tutti insieme, quind via all'arancio, al fucsia e al blu elettrico, vanno di moda le gonne a pieghe? Perfetto, tutti con le gonne a pieghe, chi con un ricamo particolare, chi le fa piu' a vita alta, chi piu' a vita bassa.. Funziona cosi.. Non mi stupisco nemmeno piu', un paio d'anni fa avevano spudoratamente copiato le scarpe di Miu Miu lucide con le varie colorazioni antracite/cipria/panna/rosa antico!
    Comuqnue sia: Grazie Zara, perche' ogni volta che entro trovo qualcosa che mi piace, e durante i saldi faccio dei VERI affari!

    RispondiElimina
  22. Ogni volta che entro da Zara mia madre mi guarda male ricordandomi che ai suoi tempi c'era un'altra qualità, altri prezzi e di conseguenza si rifletteva di più prima di acquistare un capo. Io penso che marchi come Zara, HM o Mango non facciano che adeguarsi alle richieste del mercato, una moda veloce, fast trend che vanno e vengono come se niente fosse. Forse non offriranno seta pura o lana merino ma preferisco scendere a questo compromesso piuttosto che accettare la plastica che ci propongono i grandi marchi per delle it bag che non sono così it perchè passeranno anche loro di moda e non sono così bag dato che hanno la stessa morbidezza di una lattina di coca cola.

    http://unamiainvenzione.blogspot.com/

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB