9 novembre 2011

Skype, erano meglio i piccioni

La mia amica Martina ed io siamo nella stessa situazione: invischiate in una relazione a distanza. Quando ci vediamo parliamo delle nostre pene d'amore lontano, e ci confrontiamo sulle nostre penose vicende quotidiane, giungendo alla conclusione che le storie a distanza sono più o meno tutte uguali, vigono le stesse regole. Eccone alcune che Martina ha buttato giù solo per voi: "Ho sempre avuto relazioni concrete, ma da qualche mese a questa parte mi ritrovo coinvolta in una relazione che si sviluppa nell’etere, che attraversa un paio di nazione e che trova il suo mezzo di trasmissione principale in Skype, nome che evoca qualcosa di celestiale e nasconde il piu grande strumento di tortura del nuovo millennio. Io e la mia amica Giulia ci conosciamo da poco, ma condividiamo questa passione per il masochismo della “storia a distanza”. Abbiamo trovato in questo un modo per avvicinarci e scambiarci utili consigli, e anche sì... sentirci meno stupide e nerd nel momento in cui ci allontaniamo dalla massa per “andare a casa a fare una Skypatina”!
REGOLE BASE: 1. Ti svegli? Torni a casa? Qualsiasi ora sia.. accendi Skype con rigoroso bollino VERDE e non invisibile o occupato o assente. L’ambiguità in una storia che ha gia tanti km in mezzo, tante frequenze e tante interferenze... NON E’ UTILE, NON CREA MISTERO,MA RABBIA. 2. Sei fuori con tutti i tuoi amici, avevi in programma di tornare verso una certa ora, perchè lui studia e poi va a letto, oppure tu sei in casa con la malaria o l’esame della vita e lui è fuori, ma vorresti sentirlo prima di dormire, così lo aspetti, ma lui fa tardi, o lui ti aspetta e tu fai tardi... L’ISTERIA, per cui è fondamentale delineare orari, formulare piani con precisi momenti di reperibilità e RISPETTARLI. 3. Il computer deve sempre essere posizionato ad un altezza parallela o leggermente più in basso rispetto al volto, la luce non troppo invadente; possono rivelarsi utili gli auricolari per andare incontro ad eventuali problemi di audio o se le telefonate sono notturne, per evitare che parenti vari t’insultino perchè parli urlando e scandisci come Mentana. Altra importante nota tecnica riguarda la chiusura di ogni altro programma in azione sul pc, questo per renderlo completamente efficiente e velocizzare al massimo le potenzialità di Skype. Se il video è molto rallentato e a scatti, spegnetelo! Migliorerà notevolmente (per lo meno) la conversazione audio. 4. La tecnologia ci ha offerto la possibilità di vedere il nostro amato/a gratuitamente in qualsiasi parte del mondo, ma non ha calcolato la FRUSTRAZIONE che ci risparmiavano i vecchi metodi quali, lettere, mail, piccioni... Ce l’hai davanti, lo vedi (e ti sembra pure che sia lì vicino), lo senti, gli parli in modo immediato, e a quel punto ti accorgi però che la tecnologia, per quanto avanzata e per quanto miracolosa sia,è una MERDA, che ti tenta e stuzzica e poi ti lascia lì da solo, non potendo usufruire di nessuno dei sensi piu goduriosi: il tatto, l’olfatto, il gusto! Ti ritrovi così ad abbracciare il computer, a provare a infilare la mano nello schermo come se si materializzasse un nuova dimensione interattiva, e ti incazzi, ma molto anche, e ti verrebbe voglia di lanciare il computer dal balcone. Respiri profondi, calma, meditazione, pilates, yoga, fate quello che volete ma è fondamentale combattere questa frustrazione perchè diventerà il vostro peggiore nemico, soprattuto nella prima telefonata che vi farete dopo essere stati una ventina di giorni insieme (per questa si dovrebbe scrivere un post a parte). Un’esperienza dura, che si fa in due, ma che necessità del supporto delle persone che hai attorno, quelle persone che dovrebbero garantire un attenuante a noi che siamo “diversi”, che dobbiamo rientrare prima per “andare su Skype”, o che stasera sto in casa perchè devo “vedermi su Skype..” non siamo cretini o decerebrati (anche se sembra) solo crediamo in una causa in cui ormai credono in pochi, l’AMORE, anche quello lontano. p.s. ok ho tralasciato tutto ciò che riguarda l’irrefrenabile voglia di fare porcate, tutta la sfera sessuale e i palliativi ipotetici da utilizzare, ma io sono ancora nel mia fase Skype embrionale." Tutto ciò è sacrosanta verità amici miei, ve lo dice una che vive così da 3 anni (con qualche mese di ricongiungimento nel mentre). Purtroppo per noi innamorati a distanza ci sono regole che due persone "normali" non devono seguire: dirsi sempre dove si è, cosa si fa, quando ci si connette, parole dolci in abbondanza per rassicurarsi e consolarsi, calma zen per non spaccare tutto quando qualcosa va storto (cade la linea, uno dei due se ne deve andare all improvviso e non si riesce a finire un discorso, si deve bisbigliare perchè i familiari dormono, non si ha tempo per chiamare...)... insomma, alcuni di voi mi capiscono sicuramente. E comunque io penso sempre a come facevano a resistere gli innamorati un tempo, quando ci si mandava solo lettere, e ci mettevano pure settimane ad arrivare! Altro che Skype e Ryanair (tra l'altro, grazie Ryanair del cazzo per aver cancellato la tratta Milano-Brno...). Comunque, per chi è nella nostra stessa situazione... tenete duro! Fate come me e pensate a quanto apprezzerete lo stare insieme quando sarete finalmente riuniti :)

11 commenti:

  1. AVEVO una storia a distanza e su skype non facevo che piangere.
    per FORTUNA è finita.
    non ce la potrei mai piu fare!
    comunque mi piace il tuo blog, già te l'ho detto misà.

    The Shabby Labels, New Post!

    RispondiElimina
  2. Giulia hai descritto alla PERFEZIONE come ci si sente, io sto impazzendo!!
    In bocca al lupo per la tua storia.

    RispondiElimina
  3. ma questo post era esattamente quello che mi serviva in questo momento!!!!!! ohhh thank goddddd there are other people in the same situation!!! ahhh sono delle regole azzeccatissime! è geniale e ora lo condividerò su fb, absolutely! :) si.. è proprio vero quello che riguarda ogni documentazione su ongi cosa che si farà, e la anche l'isteria e la frstrazione.. insomma.. si. è proprio così e vorrei avere anche io un amica con cui potrei dividere gli stessi pensieri, disagi e sensazioni che una relazione a distanza ti crea. è come una tempesta che ti travolge.. e poi quell'enorme bisogno di poter condividere con l'altro ogni cosa che ti accade durante la giornata... che è in realtà una missione impossibile perchè hai paura di risultare troppo entusiasta e in modo tale fai sentire l'altro escluso dalla tua vita.. ah insomma. è meglio se smetto qui però credo che tu capisci esattamente quello di cui sto parlando! :) e complimenti, 3 anni sono proprio tanti! io sono a Londra solamente da due mesi...
    Merilin.

    RispondiElimina
  4. stessa identica situazione, il mio lui è partito da dieci giorni e sto impazzendo...odio skype con tutta me stessa!

    RispondiElimina
  5. io per fortuna non vivo questa situazione, ma il post mi è piaciuto davvero tanto!
    daje giulia, resisti.

    x
    g

    RispondiElimina
  6. Dopo 2 anni di distanza ora io sono nel suo paese, relativamente frustrata perchè dopo altri 2 anni di studi sempre nel suo paese ora causa crisi sono 'solo l'ennesima italiana immigrata in cerca di lavoro'. A volte rimpiango Skype, ma poi mi passa :)

    Vive la résistence Giuls!

    baci

    Giulia
    new post on
    http://giulesss.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. Ma non avete pensato a comprare due smartphone su cui installare skype e potervi parlare anche quando siete in giro? Risparmiereste tutta quella parte sugli sbattimenti relativi a rientri a casa anticipati, bisbigli perchè i familiari dormono e in genere quella spiacevole sensazione di "quanto lo vorrei chiamare adesso ma tanto prima che arrivo a casa passeranno due ore....". Io ho avuto una storia a distanza dall'Inghilterra qualche anno fa, e la mia vita è stata resa molto più semplice dal CELLULARE SKYPE, prodotto dalla 3. Funzionava come un cell normale, solo che aveva skype installato e sempre connesso. Lo abbiamo comprato tutti e due e ci sentivamo 1224938493758432 volte al giorno.... GRATIS!! Purtroppo non so se esista ancora... adesso con questi iphone tutti installano skype lì. Solo che quello costava 30 euro!
    Tieni duro comunque, meglio skype delle cabine telefoniche a gettoni no?

    ;)

    RispondiElimina
  8. Anonimo: è che quei telefoni costano un tantino, e skype non funziona per niente bene.Solo l' I pad potrebbe funzionare.

    RispondiElimina
  9. Ma come skype non funziona bene? Io lo uso costantemente senza alcun problema (anche se ultimamente mi sono convertita a google talk per pigrizia di accendere skype oltre a Gmail).

    Per quanto riguarda gli sguardi commiseratori degli amici quando torni a casa presto per chiamare su skype, quanto ti capisco!

    m

    RispondiElimina
  10. dall'alto dei miei 5 anni di storia a distanza, massima solidarietà. (anche se qui in Francia al telefono di casa abbiamo chiamate illimitate ai fissi di quasi tutto il mondo, quando skype salta ho la soluzione...)

    RispondiElimina
  11. m mi informerò su google talk! non so neanche cos'è... :(

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB