25 marzo 2012

50 cose da non fare a Milano

1. Sedersi da qualche parte e leggersi questa guida. Forse ne avete vista un’altra simile in libreria. Bè, questa è quella utile.
2. Parcheggiare in Ticinese dopo le 22 di sera. Non contribuite a rendere ancora più pingue la pensione del vigile urbano che vi multerà.
3. Passeggiare in Barona con la catenina d’oro della Comunione. Non regalate a qualche zanza l’unico ricordo di vostra nonna.
4. Prendere un treno a Porta Genova sperando che parta in orario o di poter guardare fuori dal finestrino. Non fatelo e basta: è una battaglia persa.
5. Andare al FuoriSalone pensando di bere gratis. Non esistono feste a cui si beve gratis e se esistono voi non sarete invitati e se sarete invitati andate un po‘ affanculo perchè a noi non c’hanno mai invitato.
6. Prendere un taxi di notte. Non è umanamente possibile che per fare 3 vie con la strada sgombra chiedano 14 euro e 60, alla faccia delle promesse elettorali.
7
Mangiare al Burger King in Duomo. Non è detto che l’epatite sia sempre curabile.
8. Fare un mutuo per una casa da veri fighetti dentro la cerchia dei Bastioni. Non sopravviverete alla bastonata che arriva da Area C.
9. Fare un giro di notte nei giardinetti in Cadorna davanti all‘Old Fashon, lungo la ferrovia delle Nord. Non riuscireste più a dormire né a sedervi per almeno 3 settimane.
10. Fare la fila al Plastic. Non date soddisfazione alla donna-uomo e alsosia di Prince. Dentro il Plastic non c’è assolutamente niente per cui valga la pena perdere la dignità. Abbiate stima di voi stessi!
11. Fermarsi a chiedere indicazioni stradali di notte, in piazzale Lagosta. Non fate finta di non averla capita.
12. Dare fastidio ai cigni del laghetto di Milano 2. A dispetto delle apparenze mordono, sono aggressivi e violenti. Del resto sono gli stessi dalla fine degli anni 70 e all’epoca furono covati da Mangano.
13. Ordinare il “completo” al baracchino delle (ex) zozze in Argonne. Non servirà nessuna caramella o dentifricio, e il giorno dopo dovete pur sempre tornare in ufficio.
14. Sfidare gli anziani che giocano a scacchi al bar dei giardini di Porta Venezia. Non potete saperlo, ma dietro quelle partite c’è un torbido racket di scommesse, ricatti e proiezioni coatte di film muti allo spazio Oberdan.
15. Fare affari d’oro al mercatino di San Donato. Non si tratta di un outlet, e lo sapete benissimo!
16. Dire la parola “spread” al Radetzky in Moscova. Non è bello essere assaliti da una brigata di giornalisti di Milano Finanza, che vi asciugano tutta la sera con la loro personale ricetta per risolvere la crisi finanziaria europea (ricetta che, a loro dire, non possono pubblicare sul loro giornale perchè “quelli la’” li censurerebbero di sicuro).
17. Fare affidamento sui mezzi pubblici notturni al sabato sera. Si conoscono persone che sono uscite dal locale alle due, hanno raggiunto a piedi la fermata e quando finalmente è arrivata la 90 sono andate direttamente al lavoro.
18. Un tuffo nel Lambro. Il terzo capezzolo del giorno dopo è solo un sintomo tra tanti.
19. Farsi coinvolgere dall’inarrestabile moda neo-paninara dell‘hamburger fighetto. Il panino è uguale a quello di Mc Donald ma costa il triplo. E il ristorante potrebbe essere di proprietà del figlio di La Russa!
20. Molestare le sudamericane al Tropicana di viale Bligny o al festival estivo nell’aerea Ex Portello. E se poi beccate la tipa di un Latin King? Non avete idea di cosa è capace di fare un Latin King cornuto.
21. Utilizzare il verbo “sushare” (Es: stasera sushamo?). La lingua di Dante e Petrarca non merita questa fine.
22. Fare la fila davanti a Gucci il giorno dell’apertura dei saldi. Ricordatevi che siete pur sempre esseri umani.
23. Andare a correre la domenica mattina al parco delle Cave. C’è gente che una domenica è uscita di casa, è andata a votare Pillitteri e non è ancora tornata a casa.
24. Buttare il Booster o la Mini nell’Olona per intascare i soldi dell’assicurazione. Ormai li dentro, tra macchine e motorini, ce ne sono talmente tanti che il vostro mezzo non andrebbe a fondo, e i vigili vi sgamerebbero subito.
iv>
25. Fare acquisti alla fiera di Sinigallia per lanciarsi al Punks Wear Prada. Il Sid Vicious che c’è in voi può starsene a casa: se al Santa Tecla dovessero vedere un vero punk, chiamerebbero subito la polizia.
26. L’aperitivo da Claudio in Brera. Ok, secondo voi è chic. Ok, non sapete resistere alla tentazione di pronunciare la sacra frase “il pesce, come qui, da nessun’altra parte!”. Ma una volta usciti, puzzate come Capitan Findus, e se i vostri amici non ve l’hanno mai detto è perchè non hanno avuto il coraggio!
27. Dormire all’Ostello Bello in via Medici per rivivere le atmosfere dei vostri inter-rail. L’avventore più scapestrato che potreste incontrare è il figlio di Moratti.
28. Intralciare il traffico davanti alla Rinascente per capire cosa urla quel signore anziano seduto li davanti. Vende i biglietti della Lotteria e grida “Lotteria Italia“. Prima era “Lotteria Nazionale” seguito da “Capodanno”.
29. Nascere a Milano e tifare juve. Questa non va neanche spiegata.
30. Imparare a ballare la “Pizzica”. Non siete più in Salentu, non c’è lu sole, lu mare e lu ientu! Siamo a Milano: nebbia, lavoro e Pm10. Fatevene una ragione, perdio!
31. Andare alla Naba o allo IED e sperare poi di trovare un lavoro sopra i 1200 al mese. O anche sopra i 1000. O anche sopra gli 800. O anche sopra i 600. O anche…
32. Bere vino al bicchiere recitando la parte dello scrittore bohemian al Le Trottoir di Piazza XXIV maggio. Non funziona più: nè sul mercato, nè con le tipe. E poi di Andrea Pinketts ce n’è già uno. Basta e avanza.
33. Entrare in Area C contromano. E’ come andare sulla corsia d’emergenza per fregare il tutor. Non funziona più. Fidatevi…
34. Partecipare a un casting in via De Ruta da Magnolia o Zodiak Active. L’epoca in cui si svoltava partecipando a un reality è finita. Ora tocca lavorare.
35. Comprare le palline tra le macerie di Piazza XXV aprile. Hanno fatto servizi nei tg, documentari, persino uno pseudo-film con Raul Bova. Lo volete capire che è pieno di telecamere?
36. Indossare spalline e papillon per spiccare all’I Love Club Haus del Divina. Quei vestiti facevano cagare negli anni ’80. Figuriamoci ora.
37. Indossare gli occhialoni da nerd, girando in Corso di Porta Ticinese con la bici a scatto fisso, il Mac sotto braccio e la RefLex al collo. Piuttosto camminate con un cartello sulle spalle con scritto “cerco sesso”. Almeno risparmiate.
38. Tenere all’inter e vedere le partite in curva Nord. Non si capisce il bello di prendere ordini da un tamarro sdentato che di norma distribuisce giornali free press sotto la metro in Duomo.
39. Tenere al milan e vedere le partite in curva Sud. La fdl è morta. Non tornerà. Ora ci sono i Vikings Juve. Fatevene una ragione.
40. Insultare un anziano al volante. In generale, insultare chiunque sia al volante. Non è ancora stata elaborata una teoria, ma tutte le evidenze dimostrano che il traffico di Milano trasforma in assassini. Saranno le pm10…
41. Un master in Cattolica. Perchè pagare il pizzo per avere in cambio uno stage?
42. Iniziare a fare il rap per trombare le groupies insieme a Gue Pequeno. Guardate che la pedofilia è un reato grave.
43. Passeggiare in Corso Vittorio Emanuele il sabato di Carnevale. La Corvetto zarra che incontrerete ha una personale interpretazione del detto “a Carnevale ogni scherzo vale”, e oltre alla schiuma è assai facile imbattersi in qualche lametta Gilette.
44. Andare negli innumerevoli centri-massaggio cinesi per farvi curare la cervicale. Sappiamo benissimo che NON avete la cervicale.
45. Portare le tipa in cima al Duomo a San Valentino, con l’inaudita speranza di farvi fare sesso orale. Andiamo, siete in una Chiesa…fatelo in una Moschea, se avete il coraggio!
46. Farsi fare le carte in Brera. Dicono le stesse cose da 30 anni: se proprio ci tenete, per la metà vi mandiamo a casa il prestampato.
47. Ingozzarvi di bagel alla Bagel Factory. Il saggio gastronomo dice “un paninetto freddo, servito con malagrazia, pagato l’ira di dio tra criptoyuppies ed emonerd” e non abbiamo nulla da aggiungere.
48. Girare 30 minuti in macchina per parcheggiare, trovare finalmente un buco, salire in casa, e una volta sul divano ricordarsi che domani, proprio in quella via, c’è il mercato. Inutile aggiungere altro.
49. Aprire un blog di moda per raccontare al mondo come siete vestite stamattina. Grazie, ma non frega un cazzo a nessuno.
50. Chiedere una cicca e aspettarsi una sigaretta. Forse non te ne sei accorto…ma sei a Milano, pistola!
Post troppo divertente su I hate Milano

12 commenti:

  1. Direi che più che altro a te si addica il punto 4 di questo

    http://potatopiebadbusiness.com/2012/01/14/top-5-tipologie-di-donne-milanesi/

    RispondiElimina
  2. lol simpatico =)

    RispondiElimina
  3. Io direi che ti si addica più il punto 4 di questo...

    http://potatopiebadbusiness.com/2012/01/14/top-5-tipologie-di-donne-milanesi/

    RispondiElimina
  4. ho riso per tutta la durata della lettura e da 20/25 in poi ho fatto anche fatica perche avevo le lacrime. mi ha linkato il blog una mia amica per il post su vogue italia poi, random, ho refreshato e visto che mi trasferiro a Milano ho letto il post. AWESOME!

    P.S. aggiungi i feed RSS che cosi avito di perdermi qualcosa.

    Marco

    RispondiElimina
  5. ma che bello questo post!ti seguo da un bel po,e ti vedo migliorata un sacco!come hai fatto per diventare parte di grazia.it?ti hanno proposto loro una colaborazione?http://msfashionstreet.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. L'ho letto anch'io!!!! Ho riso tantissimo, perchè mi sono ritrovata in alcuni punti XD
    Leggi anche la classifica sulle donne, nello stesso blog :D

    RispondiElimina
  7. ahahahahahahaha quoto la tua appartenenza al punto 4 citato dall'anonimo sopra...fai davvero tenerezza!!

    RispondiElimina
  8. feed rss?
    c'è la fonte, link in fondo!
    ms fashion street: grazie mille :) si, mi hanno contattata loro
    ilaria: si, l'ho letta! Carina
    Eh lo so, sono una provinciale entusiasta della grande città, che ci volete fare. Un po' però ne sono contenta, almeno non sono una di quelle che dicono "oddio che palle Milano, mi ha stufata"... quanto a vestirmi con quello "che va a Milano", non penso proprio.

    RispondiElimina
  9. beh sai giulia Milano dopo un po' stanca anche per motivi prevalentemente di stress e di salute, l'aria è inquinatissima, molto appena possono preferiscono andare in posti più tranquilli e meno inquinati
    tra l'altro grazie alla geniale area c le arterie principali di traffico sono ancora più trafficate e rumorose, viverci è impossibile, anche l'inquinamento acustico è notevole a Milano, poi sai quando hai finito di conoscere e fare il giro dei negozietti carini (ok porta ticinese, qualche mercatino,i navigli ecc) non resta molto, il centro è diventato un megastore senz'anima e pieno di tamarri, fighetti o provincialotti
    Milano è anche una bella città ma va scoperta proprio tra le righe o va vissuta lontano da quello che fa tendenza o che entusiasma a 15 anni, ma anche quando l'hai scoperta poi restano quelle altre cose, inquinamento e rumori,la mancanza di "sfoghi" naturali come aree verdi importanti ecc

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB