25 ottobre 2012

Sulla mia imbarazzante vita amorosa


Vi ho mai raccontato della mia imbarazzante vita amorosa? No? Perché guardate che vi faccio ridere così, con due aneddoti.

Sono sempre stata, fin da bambina, ossessionata con l’amore. Storie tormentate, drammi, passioni. 
Traviata da letture precoci dei libri di “Le Ragazzine” e altri romanzi romantici (Austen,Bronte etc), non vedevo l’ora di innamorarmi.

Il mio primo amore fu Ruggero, bambino dagli occhi blu figlio di amici di famiglia, che vedevo saltuariamente a cene con i genitori e durante pomeriggi a casa mia, quando meno me lo aspettavo. Pur vedendolo circa due volte l’anno, gli rimasi devotamente fedele per tutte le scuole elementari, disegnando cuori con i nostri nomi all interno sui miei innumerevoli diari segreti e stancando le mie amiche con descrizioni dei suoi occhi blu.

Dopo Ruggero ci fu un ragazzo consapevole del mio amore per lui, che chiameremo in questa sede Gino. 
Ho sempre avuto una grande tecnica per conquistare i miei amori: pressarli fino al cedimento. 
Gino sapeva chi ero dalla nostra breve conoscenza al campo estivo, ma passata la stagione non aveva probabilmente alcuna intenzione di rivedermi. Non aveva tenuto conto del mio potere persuasivo. Tempo 8 mesi, era mio. 
Bastò qualche telefonata, appostamenti minacciosi sotto casa sua e frasi buttate lì, tipo: “secondo me staremmo benissimo insieme. Ma perché no?”. Spinto dalla pena mia fortissima simpatia, intraprendemmo una bellissima relazione platonica, che durò ben 6 mesi. 
Io inventavo scuse mirabolanti per uscire (vi ricordo la mia adolescenza da reclusa), facevo lunghe liste di cosa dirgli al telefono, provavo  con i miei compagni di classe la tecnica migliore per prendergli la mano casualmente e con disinvoltura (cosa che non riuscii mai a fare, ah, beata ingenuità). Avrei voluto almeno un bacetto, ma a parte un casto bacio sulla guancia non vidi mai niente altro. Gino mi voleva bene, ma presto fu tempo per lui di andare al liceo e mi scaricò brutalmente, facendomelo comunicare da un’amica comune. A scuola. 
Ah, disperazione! Indossavo una felpa azzurra con margheritine, e vi posso dire che piansi (quelle che credevo essere) tutte le mie lacrime. 

Il mio professore di musica, intenerito dal mio pianto ininterrotto davanti ad “Amadeus” (forse piangevo un po’ anche per la bruttezza del film)­, mi disse la frase che non ho mai ascoltato fino in fondo, ma che è la pura verità.
“Giulia, ma i ragazzi li trovi dietro ogni cespuglio…”… quanto aveva ragione.

Dunque mi iscrissi allo stesso liceo di Gino (non per lui, giuro) e individuai subito la sua nuova ragazza, una cicciona brutta che portava il mio stesso nome (non ti odio più Giulia, scusa). Come al solito feci la cazzata, incidendo insulti a lei destinati sui banchi fuori dalla loro classe (andavano anche in classe insieme, si può essere più melensi?). 
Gino mi venne a cercare e mi minacciò (capirai, che sarà mai…), dunque capii che forse dovevo smettere di pedinarlo tutte le mattine dimenticarmi di lui, e passare ad un nuovo amore. Comunque giuro questa era veramente grassa, non riuscivo a capire come lui volesse stare con lei. Sarà la sindrome dell’uomo grissino che vuole stare con la cicciona.

Poi arrivò Giovanni (altro nome di fantasia). Giovanni aveva un anno meno di me, era magro la metà di me e non avevo nessuna intenzione di mettermi coi lui, ma applicò il mio metodo dell’insistenza, e cedetti.
 Forse doveva insospettirmi il fatto che tutti mi chiedevano se fosse normale, per capire che non era un ragazzo come gli altri. Ma andiamo, un po’ di lentezza non ha mai reso nessuno poco normale. Mia madre si oppose strenuamente fin da subito alla nostra relazione (anch’essa, platonica. Tutti io li ho beccati, gli spastici)  ma non mi feci intimidire. 
Ho forse passato più ore al telefono con Giovanni che con chiunque nella mia vita. Insieme scoprimmo tantissime cose: il grunge, il rock, i cardigan, Jack Frusciante è uscito dal gruppo, tantissimi libri, come fare le cassette audio... furono tempi bellissimi e spensierati, forse un po’ troppo dato che lui venne bocciato (l’opposizione di mia madre chissà perché non diminuì). Feci appena in tempo ad innamorarmi di lui che mi lasciò, con mio grande stupore. Io, testarda e scema, rimasi sua amica, e rimanemmo attaccati con la colla anche una volta che ci lasciammo. Ah, che sofferenza, che anni sprecati.  

Nel disperato tentativo di dimenticarmi di Giovanni, feci un pensierino su Matteo (altro nome falso). 
Matteo era di una classe più avanti la mia, ci eravamo scambiati qualche parola non ricordo in che occasione, e mi era stato detto che gli piacevo. La cosa non mi colpiva poi molto, dato che sospettavo che mi sfottesse davanti ai suoi amici, e dato che era uno spocchioso arrogante . Però mi piaceva lo stesso, e si vestiva minimal, dunque facevo finta di non sentire ai commenti schifati delle mie amiche davanti alle sue gambe bianche all’ora di ginnastica. 
Dunque dicevo, in un tentativo di cambiare aria, un giorno ebbi una brillante idea, così dal niente.
 Marco era sulle scale da solo, e cosa feci? Lo inseguii, naturalmente. Gli corsi dietro lungo tutte le scale, e una volta in cima lo fermai e gli dissi :“Senti, ti va se una volta usciamo insieme?”. Ora dico, ammirate il mio coraggio. 17 anni, nessun timore.

Lui mi guard, mise le mani sui fianchi e disse: “EHHH…dai… vediamo, dai”. E se ne andò. #EPICFAIL.

Passai i giorni successivi a nascondermi tra il bagno e la classe, fino a che mi fermò in corridoio, mi prese da parte e mi fece uno strano discorso sul fatto che si vedeva che ero ancora innamorata di Giovanni. 
Povero Matteo, sentiva solo di essere il secondo, lo so che gli sono sempre piaciuta. Meglio così, comunque la sensazione di essere sfottuta da quel giorno aumentò grandemente.

Altro tentativo di dimenticarmi di Giovanni (certo, stare sempre appiccicati non mi aiutava), fu l’uscita con il cugino di una mia amica. Chiamiamolo Francesco. Francesco passò una intera serata in discoteca appoggiato al bancone del deejay, a fissarmi. Non capivo se guardava me o qualche mia amica, dunque lasciai perdere. 
Per di più indossava un dolcevita, cosa che non riuscivo a capire se fosse un plus o un minus (di sicuro non era tanto a posto, un dolcevita con i 30 gradi della discoteca?). Invece guardava proprio me, perché si fece presentare da un’amica comune e mi chiese di uscire. 
Spinta dalla disperazione, dissi si. Il giorno dopo mi venne a prendere a scuola, e facemmo un giretto. 
Solo che si mise a diluviare, era ora di pranzo, non si sapeva dove andare, e oh, che caso, lui abitava proprio accanto la mia scuola. Decisi di entrare nella tana del lupo solo perché quel giorno indossavo un vestito di pizzo rosa antico con un fiocco di seta, e non volevo certo rovinarlo (tutto vero, poi vi racconto come andavo vestita al liceo). 
Ci piazzammo nella sua camera, dove individuai le seguenti cose: letto, armadio, tavolo, mensola vuota, cd compilation chiaramente trovati su qualche giornale, tv, videogames. Niente libri, bruttissimo segno.
- Che cosa fai nel tempo libero? – gli chiesi, presagendo il peggio.
Venne fuori che Francesco nel tempo libero non faceva praticamente nulla. Nessun libro, no cinema, no interessi.
- Guardo Holly&Benji, poi gioco un po’ alla Play e poi vado ad allenamento.
- ah (Ciao Francesco, è stato bello).

Mi diressi poi verso l’armadio, magari almeno aveva buon gusto.
- Ah, ti piace il blu? Accidenti è tutto blu, qui
- No, è che così mia madre fa solo una lavatrice
- DEVO ANDARE”.


E questa è solo la prima serie dei miei amori, si passa poi a quelli nell’età della ragione, che non vi sto ad illustrare qui perché insomma, magari qualcuno si offende…



73 commenti:

  1. Aahahahaahh, fantastica! Sei senz'altro da ammirare per la spavalderia, io non son mai riuscita a chiedere a qualcuno di uscire, ho sempre fatto gli occhi da pesce lesso e aspettato, stranamente mi è sempre andata bene (no quasi dai, non vale barare).

    Però io il post sugli amori dell'età della ragione lo voglio, dai dai dai! E PRETENDO un post su come ti vestivi al liceo, ma soprattutto come reagivano gli altri...

    Annie

    RispondiElimina
  2. ahaha. fantastica!
    io invece ho saltato a piè pari i fidanzamenti del liceo, il deserto.
    Dopo 8 mesi di love story alle medie, si è passati direttamente alla storia seria post maturità!
    che disastro..per fortuna che avevo un gruppo di amiche zitellone e ce la spassavamo alla grande.
    vero

    RispondiElimina
  3. dai raccontaci gli amori dell'età della ragione!
    ma, soprattutto, scrivi un libro! sei fantastica!
    chiara.

    RispondiElimina
  4. che bella storia, grande come sempre!! :D faccio tardi per colpa tua alle lezioni pero' non va bene.
    baci,
    M.

    RispondiElimina
  5. storie simpatiche, penso un po' comuni a tutte noi e a quelle eta'...pero'( e non lo dico con cattiveria) , pare quasi che tu ti senta a tuo agio in questa immagine di " sfigata"/nerd( perdona i termini ma e' per capirci) che non sa vestirsi, non usciva mai, e non trovava il. fidanzato...o sbaglio..?!in fondo piace un po' a tutti farsi dire: ma no, non e' vero!!!!

    RispondiElimina
  6. Dio come mi sento solidale nell'ascoltare queste storielle!!!!!!!!! mi sembro io :)

    RispondiElimina
  7. Mi piace questo nuovo trend...l'armadio e poi i primi amori^^

    comunque si, è davvero carino come ne scrivi e soprattutto l'autoironia che ci metti!!!

    ps avrei voluto averlo io il tuo coraggio ;)
    pps ora però aspetto la seconda puntata!

    Alice G.

    RispondiElimina
  8. Non voglio più essere nerd! Lo ero, un po' lo sono rimasta ma vorrei diventare una donnina ora :) comunque poi ho cominciato ad uscire e ho conquistato i ragazzi che mi piacevano, dunque ora ci posso ridere sopra (all'epoca però la vedevo come una tragedia!)

    RispondiElimina
  9. Mi piaci molto di più,ora!!! Francesca.

    RispondiElimina
  10. x me è stata ed è tutt'ora (anni 23) una tragedia. sono timida e mi imbarazzo tantissimo! non riuscirei mai a chiedere a qualcuno di uscire, e quando lo fanno loro, poi sono impacciatissssima :''''(

    RispondiElimina
  11. Siccome 6 tanto colta e leggi tanti libri, lo sai che si può simpaticamente offendere un persona senza dargli dello spastico? Xkè lo sai che le persone spastiche sono persone malate che realmente esistono? Ho sempre disprezzato che x offendere qualcuno usava termini come mongoloide, spastico e affini..sentirlo uscire dalla bocca di una signorina bon ton poi è avvilente assai.. Pensaci..ma è che forse tu nel tuo mondo dorato non sei mai incappata nell'incontro con una persona disabile..

    RispondiElimina
  12. Gli errori di cui sopra son dovuti alla fretta e a quanto fossi infervorata nel risponderti..tranquilla che son colta anche io, laureata col massimo dei voti, disegnatrice in una grossa e famosa azienda..e pensa un pò..con un fratello ritardato..

    RispondiElimina
  13. stai cercando di riciclarti in qualche modo per risultare più simpatica? è l'impressione che mi ha dato il post sul guardaroba e questo, che non ho nemmeno letto però perchè onestamente non sono interessata alla tua vita amorosa, cavolo Giulia ma proprio non lo capisci che alla gente piacevi così com'eri una volta, ultimamente sei sempre o finta o acida, sii te stessa, dai

    RispondiElimina
  14. Mi son scordata di firmarmi..anonima delle 17.46 e 49 sono Consuelo..giusto x non confondermi con gli altri..

    RispondiElimina
  15. haha, post carino!
    però effettivamente capisco chi si sente offeso come consuelo.

    ccc

    RispondiElimina
  16. ma tutto ciò cosa dovrebbe rappresentare?

    RispondiElimina
  17. Sappiamo bene che Giulia è un esempio di delicatezza.
    E' una che si vanta di essere riuscita a far entrare con dei suoi amici un cane in un luogo dove non avrebbe potuto, facendolo passare falsamente (e vergognosamente aggiungo) come cane guida per ciechi.
    E' una che sostiene che è assurdo, ridicolo e scandaloso che una "cicciona brutta" abbia un ragazzo, e soprattutto un ragazzo che è stato anche con lei.
    Non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  18. E' patetico che aspettiate una qualsiasi scivolata di Giulia per attaccare con gli insulti. Si percepisce molto bene che le polemiche nascono non perché vi sta a cuore il tema che le riguarda ma semplicemente perché vi sta sul cazzo Giulia a priori.
    Ad ogni modo le persone intelligenti dovrebbero essere in grado di capire, quando si parla di temi leggeri, la valenza che assumono certe frasi/parole "politicamente scorrete".
    LEGGEREZZA quando si parla di stronzate e SCRUPOLOSITÀ quando si parla di cose serie. Altrimenti non si va avanti a sto mondo.

    Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pretendo che chi non conosce questi problemi capisca. Io mi arrabbio xkè con queste persone ci son nata e cresciuta e le ingiustizie mi fanno male. Se c'è un'auto senza tagliandino nel posto dei disabili io chiamo i vigli, io pretendo il rispetto. E cerco di insegnarlo non perchè mi sento perfetta, ma xkè cerco di sensibilizzare le persone. Non conosco questa blogger, per me che a scrivere "spastici" sia stata Giulia, o Mario Monti o Lapo, per me non fa differenza. Invito le persone a pensare xkè alle volte alcune parole fanno male anche se uno non ci pensa. Si può essere leggeri e corretti. Non ho nulla contro questo blog che leggo da poco e continuerò a leggere, il mio era solo un puntualizzare educativo su una cosa seria, e non permetto a nessuno di mettere in dubbio che io stia dicendo falsità x offendere una sconosciuta.. Potrei mai inventare di avere un fratello ritardato x offendere qualcuno? Suvvia..

      Elimina
  19. ragazzi dai, non esagerate! mi sa che state a cercare il pelo nell'uovo! io ho trovato questo post simpaticissimo,Giulia ride delle sue "disavventure" e ce le racconta anche...c'e'gente che invece deve far sembrare tutto bello, perfetto anche se non e' vero....

    RispondiElimina
  20. ragazzi dai, non esagerate! mi sa che state a cercare il pelo nell'uovo! io ho trovato questo post simpaticissimo,Giulia ride delle sue "disavventure" e ce le racconta anche...c'e'gente che invece deve far sembrare tutto bello, perfetto anche se non e' vero....

    RispondiElimina
  21. In realtà era solo da qualche giorno che leggevo il suo blog, trovato tra quelli di Grazia..non mi ero ancora fatta un'opinione..me la sono fatta oggi leggendo la parola"spastici"..le persone intelligenti sanno trovare un linguaggio adatto sempre, non solo se si parla di cose serie.. Se poi è vera la cosa del cane guida..beh..superfluo ogni commento.. Cmq faccio notare che non è che xkè si parla di moda o altro non si posso fare, nel mezzo, un appunto su cose serie..io in un'azienda che si occupa di moda peraltro ci lavoro, quindi mai sputerei nel piatto dove mangio.. Non ho criticato il blog, ma solo un modo di esprimersi che considero maleducato ed irrispettoso, e su questo sfido chiunque a darmi torto. Consuelo

    RispondiElimina
  22. Ah, mi era sfuggito, mea culpa..forse xkè non sono in sovrappeso..xò a questo punto x coerenza mi tocca difendere anche chi lo è..diciamo solo che anche "cicciona" non è bellissimo da sentire..non è che noi magre dobbiamo considerarci migliori di chi non lo è..io adore due delle mie migliori amiche che di certo magre non sono..xkè so guardare oltre le apparenze..evidentemente ci sono anche ragazzi che lo sanno fare..infatti anche le mie amiche sono fidanzatissime :) consuelo

    RispondiElimina
  23. No ma infatti quando il ragazzo che ci piace sta con un'altra noi tutte a definirla con delicatezza, come no!
    Ma se avete problemi con Giulia perchè non farglieli notare in privato? Ah giusto, perchè voi persone corrette preferite attaccarla con dei commenti pubblici che magari ci scappa anche di trovare qualche "alleato"!
    Alessia

    RispondiElimina
  24. Sì,comunque,perchè si scrive percè,non "xkè" o "xchè",laureata col massimo dei voti. Poi questo è un blog non Famiglia Cristiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si scrive "percè"? Dai..come hai sbagliato tu sbagliano tutti..non è un blog letterario e neanche ecclesistico ;)

      Elimina
  25. Trovate veramente qualsiasi pretesto per fare polemica.
    Mi scuso se ho offeso qualcuno,non era mia intenzione essere indelicata,a volte si usano le parola senza pensarci troppo su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le critiche a volte possono essere costruttive, poi era un argomento delicato per chi ha vicino persone disabili. Non prendertel Giulia!

      Elimina
  26. Anonimo delle 2.08..perdonami sai..immagino che tu non abbia mai sbagliato scrivendo di fretta dal cellulare in treno..sarai perfetta sicuramente..e cmq io sono architetto (le aziende di moda lavorano con gli architetti che curano i loro negozi, specifico sennò poi mi dite che prima dicevo di lavorare con la moda e che la moda mi fa vivere..e infatti è così e quindi non la considero futile e neanche questo blog)e non insegnante di italiano..e anche agli insegnanti capita di fare errori involontari..mi inchino alla tua perfezione e torno a leggere Famiglia Cristiana..io che non metto piede in Chiesa dalla Cresima..e ho 33 anni adesso..Quindi vedi che non capisci a cosa mi riferivo? Non è essere bigotti difendere i disabili..ma per fortuna siam tutti diversi e se tu non la pensi come me non fa niente..Giulia si è scusata e io lo apprezzo..e se le ho scritto pubblicamente è perchè non ci ho pensato proprio a scrivere in privata xkè mi ero subito infervorata e ho scritto di getto..mi scuso quindi se esternano i miei pensieri ho infastidito persone che per loro fortuna non sanno neanche che esistono disabili nel mondo..non ho bisogno di alleati, anche se mi date contro io mi sento corretta nei miei ideali..solo chi li ha in famiglia come me può capire quanto feriscano queste cose.. Riguardo al cicciona, volevo essere un pò ironica, so che se una ci soffia il ragazzo si offende subito su quel che balza più all'occhio..io di solito se vedo un bello con una che non ritengo belle quanto lui me le faccio delle domande..ma le risposte non le so..magari avranno doti nascoste che dite? Sono ironica specifico! È che avendo amiche sovrappeso non ho mai visto questa cosa come un handicap..o almeno a loro non ha mai impedito di avere dei ragazzi! Anche notevoli! Comunque finiamola qui, non volevo fomentare persone che non apprezzano Giulia per altri motivi che non conosco. I miei pensieri sono stati molto chiari e chi vuol capire ha capito. Consu

    RispondiElimina
  27. Chi usa i blog sa che può incappare in persone che la pensano in egual moda, ma anche in maniera diversa. Le critiche o le alleanza fanno parte del gioco. E penso che Giulia sappia parlare da sola senza avvocati difensori. Samy

    RispondiElimina
  28. Ho scritto "percè" omettendo involontariamente una lettera, tu hai scritto "xkè" volontariamente all'età di 33 anni.
    Ma passando oltre questa stupida diatriba sulla grammatica italiana (pensa, anche io sono architetto, non ho la presunzione di insegnare l'italiano a nessuno), così come il mio commento è stato considerato inutile, supponendo che Giulia sappia difendersi da sola senza bisogno di avvocati o chi per loro, bene, credo sia inutile anche la tua critica, considerato che l'intento di Giulia non era sicuramente quello di offendere nessuno. Si tratta di un post ironico, l'ironia non sempre è politicamente corretta, sta poi alle persone cercare di capirla e leggere tra le righe, e ribadisco, CAPIRE che non c'era nessuna offesa.
    La finisco qui.

    Ragazza Sovrappeso

    RispondiElimina
  29. Non è un reato usare slang o abbreviazioni su un un blog giovane e comunque al di fuori dell'ambito lavorativo! Lo faccio anche io..umile insegnante elementare di 37 anni! Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'assoluzione! Immaginavo non ci fosse il carcere per questo! Comunque tranquille non scrivo più. Anzi +. ;) Consu

      Elimina
  30. Le persone politicamente scorrette sono altre, in genere le apprezzo per questa caratteristica, che è ben evidente, e soprattutto non hanno bisogno di spiegare le loro affermazioni né tantomeno scusarsi, visto che il loro intento è palese e il peso delle loro affermazioni è ben ponderato.
    Giulia mi pare ovvio a tutti che non rientri in questa categoria.
    Chiudendo il discorso, a parte alcune "scivolate" come ha fatto notare qualcuno sopra, apprezzo molto questi post un po' più personali, mancavano da tanto tempo su questo blog.

    RispondiElimina
  31. Caspita, avete più di trent'anni e discutete come delle mocciose di terza superiore. Magari cercate di sfogare la vostra ira in qualche altro modo, e non attraverso futili commenti riguardanti un xkè, un non leggo Famiglia Cristiana e via dicendo. Non è un talk show questo, non siamo da Maria De Filippi, e onestamente leggendo i vostri commenti spero di non diventare una frustrata come voi tra una decina di anni.

    Giulia continua così.

    Vale

    RispondiElimina
  32. Una persona non è una frustrata perchè non si vergogna di dire quello che pensa. Io devo forse vergognarmi perchè leggo i blog a 37 anni nel mio tempo libero pur essendo un'insegnante? Allora togliamo lo spazio per i commenti così nessuno si offende o discute più..c'è gente che ha offeso Giulia quando parlava del film Ted e non è stata attaccata come la ragazza sopra che ha solo difeso i disabili perchè le sta a cuore la cosa in modo personale. Tutti abbiamo idee diverse, accettiamole senza liti. Purtroppo temo che anche scrivendo ovvietà come "Hitler è stato cattivo" si possa sempre incappare in qualcuno che la pensa contrario. È impossibile far andare d'accordo tutti e farla pensare a tutti allo stesso modo..anche se sono maestra, questo è un insegnamento che ho appreso io proprio anche grazie al mio lavoro..e che ogni giorno cerco di trasmettere ai miei ragazzi! Non facciamo le cose più grandi di quello che sono. Cristina

    RispondiElimina
  33. Consuelo Cristina anonimi vari, se volete leggere articoli interessanti di blog italiani carini e colti, scritti bene e con articoli seri, non deliri da tredicenne, dovete andare altrove, non qui di certo e ricordate che più fate polemica più l'autrice è felice perchè il suo contatore sale e il suo blog acquista importanza (non meritata, mi dispiace, da un bel po')
    ciao

    RispondiElimina
  34. ma bene, è vera la storia del cane? la storia della cicciona non fatico a crederla
    se una persona suscita tanto astio un motivo c'è sempre, nella vita e sui blog, fatti due domande una buona volta, hai 25 anni non 12

    RispondiElimina
  35. ah poi altre due cose
    invece del guardaroba io mi rifarei il carattere
    seconda cosa, questa proprio a random ma la devo dire, non esiste che due cuccioli di gatto siano talmente ingestibili e vivaci da dover essere sfrattati da un appartamento e mandati in campagna

    RispondiElimina
  36. *in campagna in appartamento ovviamente non abbandonati

    RispondiElimina
  37. Per la "cicciona" basta leggere il post qui sopra.
    Per la storia del cane spacciato come guida per ciechi su brillante idea della corretta Giulia che non riusciva a smettere di ridere, ecco il link al post (sempre che non lo cancelli/modifichi la parte incriminata)

    http://www.rockandfiocc.com/2011/08/come-fare-una-vacanza-punkabbestia-e.html

    poi giusto, ci sono anche i due gattini rifilati a qualcun'altro dopo pochi mesi, con la scusa che farebbero vita migliore altrove. Io che ho due gattine che vivono in appartamento penso sia una grande stronzata.

    RispondiElimina
  38. ma cosa ne sapete voi dei miei gatti, adesso mi volete anche fare passare per una che maltratta gli animali? Siete veramente fuori di testa, deficienti.

    RispondiElimina
  39. Perchè parli al plurale? Un solo anonimo ha toccatl il discorso gatti..ce l'hai con tutti adesso? Le critiche sono il rischio di chi ha un blog e condivide parte della sua vita con gli altri. Se non ti va bene o non sai sostenere la cosa non scrivere più.

    RispondiElimina
  40. Francesco Numero 1 !!!!!

    RispondiElimina
  41. Chi è Francesco?

    RispondiElimina
  42. Anonimi degli ultimi commenti, voi avete dei seri problemi!
    E non vi parlo da persona che vuole difendere Giulia (perchè non la conosco nè di persona e nemmeno virtualmente) ma da una che apre un post che parla di ex fidanzatini e si ritrova a leggere commenti che parlano dei gatti di Giulia. FATEVI CURARE.
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta che corro all'ospedale..

      Elimina
  43. mettiamo in chiaro che nessuno ha parlato di gatti abbandonati, ma mandati ad abitare in casa in campagna (l'hai scritto tu quindi non è che mi inventi le cose) non mi permetterei mai di insinuare né che maltratti gli animali né che hai abbandonato i tuoi gatti, vediamo di non dire cazzate
    da amante degli animali ho solo sottolineato che ci ero rimasta male quando ho letto di cuccioli di gatto troppo vivaci per stare in appartamento, problema che reputo un po' strano, con questo non insinuo niente, vediamo di non stravolgere le cose che vengono dette perfavore, ognuno è libero di fare quello che vuole e ognuno tragga le sue conclusioni, a me non stai certo più simpatica dopo queste uscite
    ciao

    RispondiElimina
  44. Voi "amanti degli animali" siete un grandissimo scassamento di cazzo. Cristo mica li ha abbandonati, li ha solo portati in campagna

    RispondiElimina
  45. grazie, che bella risposta raffinata da lady, comunque infatti non ho detto niente, ma ho solo ricordato che i gatti si adattano a stare anche in appartamento, anche in un monolocale, altro non so dire, certamente in campagna si divertiranno di più
    Se adottate un animale tenete in considerazione che da piccoli sono vivaci, poi passa, basta avere un po' di pazienza, tutto qui
    scusa se appartengo a una categoria ampliamente derisa da certa gente, non ci posso fare niente, amo gli animali, ti dico la verità, li amo molto di più di certe persone
    un saluto

    RispondiElimina
  46. Follia. Dai morosini ai gatti. Cose da psicopatici. Te la sei covata fino ad ora?
    E PS, amanti de che? Ci sono animali, come i gatti, che stanno male e basta chiusi in appartamento tutto il santo giorno. Poche balle.

    RispondiElimina
  47. questo non è proprio vero, tutti i comportamentalisti sono d'accordo sul fatto che il gatto in appartamento sta bene, quello di cui ha bisogno è l'affetto dei padroni, non è un cane, forse ti confondi

    RispondiElimina
  48. senti ma perchè sei sempre così aggressiva e scurrile? non so va bene tutto ma boh, guarda che i blog nascono come posti dove scambiare opinioni, ora è vero forse ho sbagliato con i toni, ma anche se avessi voluto parlare di questa cosa, da lettrice, che male c'è? perchè ingaggiare sempre subito delle liti? guarda che ti fa male arrabbiarti sempre così, stai serena dai, ripeto, mai detto che maltratti gli animali o altro, sai quanti animali però finiscono in canile o al gattile perchè i padroni si accorgono dopo che l'animale è ingestibile? tu sei stata fortunata perchè avevi qualcuno a cui affidarli, ma tanta gente non si fa certamente gli scrupoli che ti fai tu, anzi questo comunque ti fa onore, ma è sempre bene sottolineare che gli animali vanno adottati dopo essersi fatte mille domande.
    buona serata

    RispondiElimina
  49. Ogni tanto mi sorge il dubbio circa il fatto che alcune persone si mettano a pesare ogni singola dannata parola per potersi cimentare in discussioni o semplicemente abbattere chi ha scritto. E se invece vi viene spontaneo, povero chi vi incontra ( o forse lo fate solo sul web, perchè nella vita vera non vi reggerebbe nessuno?). GET A LIFE.
    Fate passare la voglia alla gente di scrivere con spontaneità e di mettere due contenuti decenti in fila all'altro: post carino, ironico e che denota capacità di prendersi un po' in giro...ma a tutto c'è un limite, fate perdere la pazienza.
    Ora, al di la della ragazza che si è sentita personalmente offesa, com'è possibile che in ogni santo post ci debba essere un commento pedante? Che siano i soldi di Giulia, quelli del fidanzato, ora i gatti..bella vita che avete sicuro.

    Giulia, diciamo che quanto all'ammmore ti sei rifatta alla grande :):):)

    G

    RispondiElimina
  50. Non ho ancora capito perché non li moderi questi commenti! tanto hai il cellulare, puoi controllarli anche se non sei al pc!
    I flame non fanno altro che dare rilievo e importanza al tuo blog, quindi non te la prendere che torna tutto a tuo vantaggio!

    RispondiElimina
  51. Voi state male, anzi malissimo. Siete passati dalla critica a un termine forte (usato senza nessuna intenzione di offendere, ma magari un po' fuori luogo, okay. Ma si è scusata! Si è scusata! E invece no, voi continuate a sputare sentenze così, a cazzo di cane.) alla difesa dei gatti che ha portato in campagna.
    A proposito di questo, visto che siamo in tema (sicuramente ve la stavate tenendo dentro da mesi tanto da farvi rischiare un'ulcera perforante da ricovero, immagino), in campagna ci abitano delle persone. In campagna queste persone non vivono nelle capanne, ma in delle case anche abbastanza grandi. So che la cosa potrebbe stupirvi, ma è così. Non cadete dalla sedia, per favore, non vi voglio sulla coscienza. Il gatto, come sappiamo dai famosi comportamentalisti, si adatta alla vita in appartamento. Benissimo. Ma se una non se la sente di tenerlo più e lo affida a qualcuno che gli può dare più attenzioni, perché non farlo? Cazzo non li ha abbandonati in strada né se li è mangiati! E per di più, udite udite, sono cazzi suoi! State male!
    Smettetela perché state superando ogni limite. Venite qui a sputare bile per il nulla. Non sono critiche (no, non sono critiche molti dei commenti precedenti!), sono attacchi. Ogni volta che vengo qua a leggere un post capisco subito che tipo di commenti troverò (anche se alcune volte mi stupite, eh!), quindi, oltre a essere degli spaccapalle professionisti, siete pure prevedibili.
    Faccio l'avvocato perché una delle mie abitudini, da due anni a questa parte, è venire quotidianamente a leggere questo blog, commentare, condividere il mio pensiero e chiacchierare. Se una cosa mi da fastidio non la guardo, non la cerco proprio. Io non so cosa è successo, ma da quando Giulia è arrivata a Milano molti si sono rincoglioniti (ricordo ancora il commento di quel genio che, alla vista del cappotto nuovo di Margiela, si è sentita offesa perché Giulia ha speso un sacco di soldi).
    Facciamo così: Giulia è una stronza incivile. Vi ho dato un motivo per non tornare più su questo blog, okay? Ciao.

    RispondiElimina
  52. Dei gatti non me ne frega nulla..uccidetemi dai! Non ne ho, ma neppure vado a far loro del male..solo la cosa non mi tocca! Del rispetto ai disabili ci tengo di più pur non avendo, per fortuna, questi problemi vicino a me. Per quell'argomento ci stava forse offendersi per chi sente la cosa vicina..ma sta commedia dei/sui gatti è folle.. Tra poco scriverà il wwf su questo blog? Ma d'altronde viviamo in un paese dove al tg si parla prima di cani e gatti e dopo di cose serie..mah..

    RispondiElimina
  53. beh sinceramente credo che ci vorrebbe un po' di elasticità, certi termini hanno un senso ESTESO e non vengono detti con l'intento di offendere delle categorie specifiche, lo sapete anche voi, sono termini entrati nell'uso comune ma nessuno li usa perchè disprezza i malati, i disabili ecc
    non ho mai capito la gente che si offende così, perfavore potete immaginarlo anche voi che Giulia non è un mostro che si diverte ad offendere le persone sfortunate

    RispondiElimina
  54. Giulia, moderi i commenti una buona volta e non si faccia scrupolo di cancellare quelli che ritiene fuori luogo e non pertinenti, non è possibile che ogni volta si finisca così, avere un blog significa anche prendersi l'onere di moderare i commenti, la moderazione non è censura, è un sacrosanto diritto del blogger!

    RispondiElimina
  55. Non so che gente frequentate voi ma io non conosco nessuno che usa quei termini nel lessico comune. Appunto perchè esistono maree di sinonimi. Comunque quel discorso è chiuso mi pare, con tanto di scuse. Il problema era un altro e assai ridicolo..i gatti..

    RispondiElimina
  56. Non so che gente frequentate voi ma io non conosco nessuno che usa quei termini nel lessico comune. Appunto perchè esistono maree di sinonimi. Comunque quel discorso è chiuso mi pare, con tanto di scuse. Il problema per molte persone purtroppo era un altro e assai più futile..i gatti. Mara

    RispondiElimina
  57. sono l'anonimo che parlava dei gatti (il primo, l'altro post sulla ciccione e il cane non l'ho scritto io)
    Allora posto che non ho trovato corretto dire che l'accusa era di maltrattamento e abbandono, visto che mai ho detto una cosa del genere, considero la cosa chiusa, chi vuole intendere intenda, abbiamo opinioni contrastanti sulla questione animalista e bon, non mi è venuta l'ulcera, state tranquilli, per me gli animali sono molto importanti, per voi non lo sono, amen, al mondo siamo tutti diversi

    adios

    RispondiElimina
  58. Non stiamo parlando di politica quindi non servono moderatori..povera Italia.. Ale

    RispondiElimina
  59. scusa ma la maggiorparte dei blog soprattutto di moda ha la moderazione, mi sembra normale, visto che poi pare che Giulia se la prenda parecchio ogni volta, non mi pare il caso di dare sempre soddisfazione a chi ama fare polemica
    S.

    RispondiElimina
  60. La polemica è un rischio che si corre avendo un blog, così come gli insulti e anche gli apprezzamenti. Chi ha un blog lo sa che fa parte del gioco. F

    RispondiElimina
  61. hai ragione ma le polemiche allora si devono saper gestire con educazione e fermezza, se si pensa di non avere la possibilità di farlo, legittimo per carità, è meglio moderare
    allora la Ferragni cosa avrebbe dovuto fare con tutti gli insulti che riceve ogni giorno? non ho mai letto risposte sgarbate da parte sua né particolarmente stizzite, capisco che lei lo faccia perchè ha sempre avuto un approccio lavorativo al blog, ma la sua diplomazia in tal senso è sempre stata esemplare
    Claudio

    RispondiElimina
  62. @Claudio, la Ferragni non ha affatto diplomazia, semmai tutto il contrario. Di insulti non ne hai mai visti (non hai cercato bene evidentemente, tra lei e la Ferraro non sò chi scenda più nel volgare quando punta sul vivo) perchè la signorina li cancella quando gli altri (La faccia, Il covo, Le vipere...) se ne accorgono e mettono online gli stamp, ma soprattutto da anni a questa parte CENSURA peggio della Gestapo, non fa passare niente, blocca su ogni piattaforma social , toglie la possibilità di spolliciare/apprezzare perfino i suoi video su youtube. E non si tratta sempre di cose pesanti, ma anche solo un "con questo look non mi piaci, preferisco quello di ieri"... quindi ahahah.

    Per i gatti, sì, si adattano perfettamente all'appartamento, qualsiasi razza, ma è anche vero che specialmente da piccoli vanno seguiti, e se si è in giro per lavoro/altro non basta riempirgli la ciotola di croccantini e pulire la lettiera la sera, meglio in campagnia dove possono star più liberi e seguiti, ragazzi BASTA PARE.

    (Il commento sulla Ferragni è soprattutto per far capire che togliere i commenti e censurare è sbagliato, meglio lasciare tutto in trasparenza e accettare che esistono le testoline di cazzo e che si trovan dappertutto e per sfotuna non si possono ignorare e cambiare pagina come sul web anche nella vita...)

    Annie

    RispondiElimina
  63. Spero testoline di cazzo fosse simpaticamente rivolto a chi ha pare sui gatti. Perchè definire testa di cazzo quelli che son sensibili all'argomento disabili mi pare un filino pesante, anche se come dici non ci devono essere censure.. Peraltro pure a me ste paranoie sui gatti hanno sinceramente sfiancato. D'altronde si sa che noi vicentini i gatti li mangiamo..scherzo.. Elena

    RispondiElimina
  64. @ANNIE
    allora so che alcune blogger sono parecchio volgari, che la Ferragni modera anche troppo è vero ma penso anche che alle volte Giulia se la prenda davvero troppo, da un lato è apprezzabile perchè si capisce che è proprio spontanea, ma dal'altro questo nuoce sicuramente alla sua immagine "pubblica"

    quanto ai gatti, personalmente non sono d'accordo, se non si ha del tempo a disposizione i problemi bisogna farseli prima di adottare un animale, cane, gatto, criceto, coniglio, anche loro soffrono quando cambiano padrone e abitazione, non lo trovo giusto, ma voglio sperare che dietro ci possano essere altre motivazioni, del resto il blog è pubblico, se ne parla, non vedo perchè poi tutto questo astio nei confronti degli animali o degli animalisti, davvero, chi non rispetta gli animali (non parlo di Giulia logicamente) di solito è probabile che non rispetti nemmeno i suoi simili
    mi pare che oggi vada troppo di moda essere contro gli animalisti, la gente credente ecc non saranno mode anche queste?
    un saluto
    ciao
    Claudio

    RispondiElimina
  65. ME NE FREGO della mia immagine pubblica, dovreste averlo capito da tempo

    RispondiElimina
  66. Abbiamo passato l'adolescenza tra le stesse vecchie mura. Con gli stessi maschi scadenti.

    RispondiElimina
  67. e la coppia Gino e Giulia è abbastanza riconoscibile, non ti sei persa niente secondo me.

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB