13 marzo 2014

Sai cosa ti spalmi?

L'altro giorno sono andata da Kiehl's a fare rifornimento di prodotti di bellezza.

Una volta tornata a casa, alleggerita di un bel po' di soldini, ho scritto sulla mia tabella Excel entrate-uscite le spese fatte sotto la casella "beauty". Devo dire che la cifra è cresciuta esponenzialmente con i mesi: se prima unghie, sopracciglia e parrucchiere non erano una spesa considerevole per me, da quando sto a Milano le cose sono cambiate. Vuoi non fare una capatina dal cinese sotto casa a farti la manicure ogni tanto? Vuoi non andare da Tony &Guy che tanto mi hanno consigliato?


Insomma ho stilato una tabella a parte (Ciao, sono Giulia, malata di liste), che potete vedere qui sotto, amiche freak come me. In teoria è un riassunto di tutto quello che una donna dovrebbe avere, ma mi rendo conto che i prodotti in realtà sono molti di più (niente ombretti vari - ne ho uno beige e stop-, illuminanti, eyeliner, primer, matite e rossetti per me. Ho anche escluso i pennelli dalla lista perché li ho già, quindi si spera non li debba ricomprare)

Scusate la parentesi "ciclo" e "esterno", ma dato che volevo fare una stima di quanto spendo al mese ho dovuto includere le spese necessarie femminili (ehm) e l'estetista (purtroppo non so fare tutto da sola)


Facendo un rapido calcolo, ma lo saprete già, constaterete che la cifra media mensile che una ragazza che tiene al proprio aspetto spende è astronomica, se paragonata a quello che spendono i ragazzi (crema da barba, rasoi - se non usano quello elettrico - parrucchiere. E' tutto, mi pare).

Mamma mia che nervoso se ci penso.

Pensando dunque ai soldini che potrei risparmiare pur rimanendo bella e giovane (ha ha), pochi giorni dopo mi sono decisa a studiare il  canale Youtube di Carlitadolce, vera star del web.


Carlita è una pazza (ha anche un Blog ) che crea da sola in casa i propri prodotti di bellezza, dalle creme agli shampoo ai trucchi. Sembra un piccolo chimico ma non lo è, solamente conosce benissimo tutti gli ingredienti del mondo, quindi è in grado di ricreare qualsiasi prodotto le serva, anche "copie" di quello che vede in giro.

La mia amica Mariagiulia ha seguito le sue orme e si è messa a "spignattare" (così si dice in gergo, pare), creando per me vari prodotti, che vi dico onestamente, sono pazzeschi. 
Il procedimento per crearli è onestamente troppo laborioso per i miei gusti, serve tanto tempo, tanta pazienza e tanti ingredienti stranissimi ma se vi sentite pronte potete ricreare a casa vostra praticamente tutto, crema anticellulite compresa.

Comunque, vi parlo di Carlita per dirvi che oltre a insegnarci come produrre la propria personale profumeria, gira dei video utilissimi che spiegano quali prodotti evitare se non volete spalmarvi addosso delle schifezze e nello stesso tempo spendere poco (dentifrici compresi!E' veramente matta).

Il 99% dei trucchi e le creme sul mercato sono piene di silicone, e vi parlo di cose che utilizzate quotidianamente, dalla Nivea al Labello ai semi di lino del supermercato agli shampoo della Kerastase da 25 euro che pensavate fossero pregiatissimi (io compresa, illusa)





Basta leggere le etichette e informarsi un po' sugli ingredienti per capire che praticamente TUTTO quello che c'è sul mercato contiene derivati del petrolio, anche nei marchi che si professano verdi ed ecologici (Bottega Verde, L'Erbolario, Yves Rocher etc.).

Incredibile come prodotti consigliatissimi da tutti siano assolutamente da evitare: tutti i fondotinta liquidi di marca, tutta la linea Moroccan Oil, il mio caro tonico all'acqua di rose... la lista dei prodotti non proprio giusti per la pelle, il corpo e i capelli è infinita. 
Ovviamente non si muore, mia nonna usa la Nivea come crema viso da anni ed anni e non le è ancora caduta la faccia, soltanto probabilmente la vostra nostra pelle avrebbe un aspetto migliore (meno punti neri, zero comedoni, zero zone lucide) con prodotti naturali.

Ora, al fondotinta non posso rinunciare (l'unico safe è quello minerale in polvere, che a me proprio non piace) ma direi che per creme, shampoo e struccanti non ci sia bisogno di comprare Dior!

Sono ben pochi i prodotti che si salvano, e a sorpresa sono quasi tutti reperibili supermercato, marchi sconosciuti e super cheap che hanno INCI (ingredienti) perfetti, senza sostanze nocive (famoso il caso della linea Viviverde Coop, costo zero e buoni ingredienti, pare). 

Cosa potete comprare in sicurezza? Carlita mi insegna: ALCUNI shampoo e struccanti della Garnier, ALCUNI di Bottega Verde, ALCUNI di L'Erbolario e Provenzali e poi prodotti di marche totalmente bio che non ho mai visto ma che si trovano in supermercati ed erboristerie.

La cosa divertente è che tutti i prodotti che Carlita approva sono davvero economici!

Se volete spaventarvi, controllate di cosa sono fatti quelli che avete nel vostro bagno sulle due bibbie delle fanatiche del bio: Sai cosa ti spalmi? (devo ammettere questo sito è un po' eccessivo, non va bene mai niente...) e Biodizionario (che Carlita conosce a memoria, ingredienti in latino compresi)


Conclusione: penso che smetterò di fare la snob che spende una capitale e tornerò molto felicemente al low cost (trucchi esclusi)! 


Parlando invece di beauty in generale, 





vorrei provare a mettere l'ombretto rosso (nella seconda foto, Natalie Hartley, stilosissima Fashion Director di Glamour magazine, che ho visto a Milano e che mi ha fatto venire l'idea - qui sopra fotografata da Sartorialist mentre indossa una versione un po' più aranciata), che ne dite?



Un'idea carina per sistemare i vostri pennelli



E non so se avete sentito del caso del lipbalm di Lupita agli Oscar: al momento di offrire una mancia all'uomo delle pizze, l'attrice ha porto il suo HydraQuench Moisture Replenishing Lip Balm di Clarins ad Ellen.  Nel giro di pochi mintuti è nato l'hashtag #Lipitalipbalm,  la gif e ovviamente il balsamo per le labbra è andato sold out sul sito di Clarins durante la notte, che ha dovuto fare subito un ordine.
Pazzesco!

p.s Seguirà post con ricette per prodotti naturali da preparare in casa, ho raccolto sul web le più semplici in assoluto!

25 commenti:

  1. Ciao Giulia, sono contenta che il tuo blog abbia preso una piega bio!Sono circa tre anni che mi sono convertita agli shampoo e balsami eco bio e devo dire che i miei capelli sono cambiati tantissimo, ma non mi sento ancora pronta a lasciare i miei trucchi siliconici!buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ora vediamo, per ora sono convertita solo teoricamente, non ho ancora testato quasi niente!

      Elimina
  2. Sai già che anch'io sono un'appassionata di Inci e ho scoperto Carlita qualche mese fa. Tralasciando la sua pronuncia di nomi inglesi e francesi, la sua stanza e il suo make up (che Clio al confronto è sobria) in effetti è un trash utile.
    Lo spignatto comunque non fa neanche per me, faccio già fatica abbastanza con la cucina.
    Ah ho trovato anche un fondotinta bio non in polvere che è ottimo, si chiama SoBio (è francese e si trova solo online però).
    L'ombretto rosso/fucsia - soprattutto se possiedi solo UN ombretto dunque non sei esattamente una pro nell'applicazione di ombretti - NON te lo consiglio.
    Posso portarti a fare shopping di ombretti? Io comprerei solo ombretti e blush.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa morire... ieri ho visto un video dove diceva "Lo scatolo" hahaha.
      SoBio infatti lo consiglia!
      Siii portami tu Erika! Perché dici di no quello rosso? Difficile da mettere?

      Elimina
    2. direi di sì, i rossi sono piuttosto difficili. Anche trovare le tonalità giuste e adatte alla tua carnagione e il modo di applicarli. Potresti rischiare di sembrare malata invece che truccata :P

      Elimina
  3. E quindi ora non mi resta che andare a scoprire il blog di Carlita (che se faccio la lista mi prende un colpo!)

    RispondiElimina
  4. ciao giulia!!! una piccola info data la tua esperienza, hai qualche consiglio su estetiste cheap a milano???? grazie :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, no! Le uniche che conosco sono cinesi, e non te le consiglio...

      Elimina
  5. Non ho capito alla fine se i prodotti di Khiel's sono in or out da un punto di vista qualitativo degli ingradienti. A me piacciono moltissimo personalmente, e alcuni prodotti loro li ho scoperti anche grazie a te, tipo lo shampoo all'olio di oliva!
    Comunque non lamentatevi troppo delle estetiste cinesi, ho vissuto in Cina per due anni...e vi assicuro che per loro non è facile: loro la ceretta non se la fanno prorpio! E' come se a noi chiedessero i rasta :)

    Valeria

    RispondiElimina
  6. Ciao Giulia!!!! Cara Giulia: buongiorno!!!!
    scusa ma sono proprio contenta di leggere questo tuo post, era ora!!!
    è da quando ti seguo (ormai un paio di anni) che ogni volta che parli di beuty cerco di farti capire e parlarti di tutto ciò, di tutto quello che hai scritto qui sopra! quindi, complimenti, ci sei arrivata :)
    Lo spignatto effettivamente non è per tutti, è un bello sbatti, però già prendere consapevolezza che i prodotti che ci si spalma e per cui si spende un patrimonio in realtà sono schifezza è già un bel passo avanti. E sì, anche i prodotti Khiels sono schifezza! quindi benveuta e ascolta un po' di più le tue lettrici ogni tanto :)

    RispondiElimina
  7. Ciao Giulia! Prima di tutto sempre complimenti per il blog, ormai da anni uno dei miei preferiti.
    Per quanto riguarda il tema bio... Dunque, da qualche anno se posso uso make up naturale (amo amo amo i blush di neve cosmetics e anche il flat perfection, anche se a molte non va così a genio), e soprattutto una skincare bio (se hai un tigotà vicino cerca la marta delìdea, marchio certificato bio ottimo e super economico) MA sono abbastanza contraria a questo accanimento "talebano" delle simil Carlita.
    Non so se hai notato, ma in uno degli ultimi post addirittura Carlita ha postato un INCI SBAGLIATO dei blush MAC, controllare per credere (e fonti mi dicono non sia la prima volta)
    Va bene stare attenti, va BENISSIMO anzi, ma attenzione a non demonizzare: se ti metti un fondotinta con siliconi non ti verrà certo il cancro (credimi: è stato detto da certe "espertone"), massimo qualche brufoletto, e se sei attenta alla skincare probabilmente manco quelli.
    Come hai detto tu Carlita NON è un chimico, se mi permetti vorrei lasciarti il link a un post molto interessante (inutile specificare che io l'autrice personalmente non la conosco proprio, non è pubblicità) che fa un po' di chiarezza, l'autrice è LEI Sì una chimica farmaceutica:
    http://beingcuteisnotacrime.blogspot.no/2014/02/della-smania-di-autoprodurre-e-dei.html
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie del link! e si, anche io sono contro l'accanimento, l importante è stare un po attenti senza diventare ossessionate!

      Elimina
  8. bellissimo post, brava giulia! corro a spulciare il sito di carlita :)
    martina

    RispondiElimina
  9. Lo sai che mia sorella ormai fa tutto in casa?
    E ovviamente anche io che non sarei proprio tipa da spignatto, soprattutto vivendo con due pupi sotto il metro che non mi danno tregua, utilizzo ormai solo prodotti fatti in casa: e che prodotti! Non ho mai avuto la pelle cosi luminosa, il corpo cosi idratato. E poi shampoo, maschere per capelli, anche prodotti per i bambini, dalle creme ai saponi. persino il deodorante e il gel per capelli.
    Lei ha seguito un po' i tutorial di carlita, poi ha iniziato a sperimentare, perche' una volta che capisci gli ingredienti e fai tue le proprieta' e le loro reazioni e interazioni, puoi anche lanciarti in variazioni su tema.
    Adesso sta approcciando la fase due: trucchi... attendo con ansia ;)

    RispondiElimina
  10. Bella l'idea dell'ombretto rosso, non ci avrei mai pensato! Peccato però che il rischio di sembrare malata o tossica sia altissimo :(

    RispondiElimina
  11. Io ho iniziato a leggere le etichette con gli ingredienti quando avevo 8 anni, tutti mi prendevano per matta, lo facevo anche con le scatole dei cereali e in generali con gli alimenti...Certo non è che ci capissi molto ma ero curiosa, questo si...Uso quasi esclusivamente prodotti eco-bio, ma senza impazzire chiariamo, all'inizio dicevo: "si, le creme ok, ma il resto no, mi trovo bene con quello che uso...", poi piano piano ho "convertito" tutto il mio "beauty" (che è molto più modesto del tuo, cmq, non sono così brava!!!). A tal proposito: dicci la marca del gel per sopracciglia che usi, ti prego, questa informazione potrebbe salvarmi la vita! : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kiko! Funziona benissimo ed è super economico

      Elimina
  12. la manicure dal cinese, ma come si fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sono estetisti cinesi bravissimi e puliti, sai

      Elimina
    2. ti dai tante arie, il tuo twitter è molto snob e pieno di critiche contro la gente che incontri e poi vai dai cinesi, misteri della fede

      Elimina
  13. non seguo nessuna di queste guru né mi è mai saltato in mente di spaventarmi e farmi influenzare da queste cose, preferisco ragionare con la mia testa e vedere se un prodotto funziona oppure no
    tanto più che mi fiderei solo del parere di un professionista laureato (chimico, biologo ecc) e comunque preferisco ragionare con la mia testa (e la mia pelle)

    RispondiElimina
  14. non è questione di ragionare, magari certi prodotti ti sembra funzionino su di te ma magari hanno ingredienti nocivi (vedi Nivea)

    RispondiElimina
  15. Mi fa piacerissimo che inizi ad interessarti al mondo bio (cosa che, personalmente, ho fatto ormai da alcuni anni) però se devi citare fonti od informarti lascia perdere Carlita, davvero, che non ha alcuna credibilità, vai a vedere siti e forum gestiti da persone serie e competenti come "sai cosa ti spalmi" (che tu stessa hai citato e che non parla affatto bene di Carlita) e il "forum di lola". Ho sentito dire da Carlita talmente tante castronerie che non le conto più!

    RispondiElimina
  16. Io ho fatto tantissimi prodotti presi da carlita e mi trovo benissimo. La crema anticellulite è ottima, ma anche il latte detergente mango e vaniglia. Ho fatto davvero tante cose e niente da dire. Lei spiega tutto e se non lo fa in ogni video, basta vedere i tutorial più vecchi. Non credo neanche si possa dire che copia le ricette, perché bene o male le ricette sul web sono tutte simili. Carlita ha avuto il pregio di trasformare le parole di lola in immagini e ciò ha reso secondo me lo spignatto più accessibile. Comunque per me totalmente positiva.

    RispondiElimina



GRAZIE MILLE PER LA VISITA, TORNA PRESTO!



THANK YOU SO MUCH FOR VISITING, COME BACK SOON!

© ROCK 'N' FIOCC 2013 | DESIGN by FNB